Una mescolanza diabolica di garage e surf. Drug Punk. La neo-psichedelia e lo shoegaze degli Spaceman 3. Il sapore caraibico di un Daiquiri. La ruvidezza dell'asfalto che gratta le corde. La California. Il fascino tropicale. Panama. Il tutto mescolto e infarcito di delay e riverberi maldetti, per generare un'onda anomala di garage oppiaceo, allucinato e strafottente.