Descrizione a cura della band

Max Petrolio è un cantautore Italiano nato nel 1981, formatosi nel 2000 e riconducibile al fenomeno della Musica d’Autore di nuovo stampo generazionale e d’ avanguardia visiva. Si tempra con studi pittorici e con l’esperienza di performance artistico/musicali presso gallerie d’arte di Napoli, per poi compattare le due attività in un solo nucleo; “la musica”. Il suo stile influenzato dall’arte contemporanea è un surrogato del concetto di istallazione visiva e motoria, già vecchio nella società odierna. Le sue Canzoni sono citazioni, rimandi a contesti di urbanistica spaziale, e scene Surrealiste ed Astrattiste. Nel suo operato i valori aggiunti sono da ricercare in un impegno che si divide tra musica e transavanguardia suonata. Impulsi Dadaisti legati a parole che eccedono quasi in fluorescente follia, come i colori americani della Pop Art. Cantare con la mente di Francis Bacon, con la gestualità di Jean-Michel Basquiat e con la danza di Jackson pollock, cercare di enunciare parole come acrilico denso, per raccontare storie inverosimili, emozioni ridotte a brandelli, attimi brutali e sconcertanti. La musica? è semplice, diretta, un Elettro-Acustico dallo stampo New Wave, reso compatto come un blocco di ferro di Richard Serra, dalla sua chitarra stridente e ritmica, trascinata da origami di ossessioni debordanti. Molto acuta la scelta stilistica, nella fissazione di parole, di termini legati alla medicina , all’industria chimica , a solventi. Racconti impreziositi, e imbottiti come una torta da parole inusuale per spiegare concetti comuni.

Credits

Il testo, contenuto nell’album omonimo, “TUBI SUL MOLO” del 2006, ha vinto il CONCORSO INTERNAZIONALE “ALTRI SUONI” edizione 2006, sul tema del dialogo interculturale tra le due rive del Mediterraneo, ottenendo la MENZIONE SPECIALE ed è stato tradotto e diffuso dal progetto EuromedCafè in quattro lingue (italiano, inglese, francese e arabo).
Il progetto è inserito nel programma della Fondazione Mediterraneo per favorire la comprensione reciproca attraverso l'immagine e la musica, è promosso dall’Association Artistique Espèce d’Espace in collaborazione con la Fondazione Mediterraneo ed è attualmente sostenuto della Fondazione Euro-Mediterranea Anna Lindh per il Dialogo tra le Culture e realizzato in partenariato con AraMage Artistic Production (Egitto), Crystal Films (Libano), En Chordais (Grecia), European Journalist Centre (Paesi Bassi), e Femmes en Communication (Algeria).

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati