Descrizione a cura della band

data di pubblicazione - 4 Dicembre 2012

La musica come essenziale esperienza sonora: ovviamente acustica, intrinsecamente fisica e psichica. Parte da questi tre presupposti il primo disco di Enrico Ruggeri (ex songwriter negli Hogwash) e Elio Rosolino Cassarà. “Musteri Hinna Föllnu Steina” (“il Tempio delle Pietre Cadute” dall’ islandese) raccoglie undici tracce di diverse lunghezza, fra ambient oscura, musica contemporanea e noise decelerato. Da una parte i field recordings manipolati in digitale di Enrico Ruggeri che provano a “spremere” musica dal suono quotidiano; dall’altra le poche note di pianoforte e synth, anch’esse lungamente manipolate, di Elio Cassarà. Il tutto va a formare un unicum che trae origine e diviene completamento nei quadri dello stesso Cassarà, che è pittore (prima ancora che musicista) di opere raffiguranti in sfocature fra l’onirico e il sub-coscienziale una serie di paesaggi desolati e disabitati.

E proprio quella desolazione e quei luoghi alienati sono evocati dai brani del disco, che fin dai titoli parlano di remote tradizioni ed antichi riti. Ciascun episodio può essere considerato come geroglifico sonoro di un non-tempo dopo la Catastrofe, oppure come un landscape psichico di uno stato di (in)coscienza immerso nel dolore. In ogni caso i suoni di “Musteri Hinna Föllnu Steina” hanno la capacità di invadere lentamente gli spazi e annullarsi in essi insieme al tempo, diffondendo nell’aria borborigmi abissali e micro-vibrazioni telluriche. Sono musiche senza geografia se non quella dell’anima e della Fine. E hanno la forza sotterranea e inquieta di un qualcosa di assoluto.

Credits

composto da: Enrico Ruggeri & Elio Rosolino Cassarà
prodotto: Enrico Ruggeri
masterizzato da: Alberto Ferrari


Enrico Ruggeri è nato a Gazzaniga (BG) il 16-12-1969 e vive a Casnigo (BG) dove lavora come artigiano nel settore tessile. Dopo l’esperienza negli Hogwash (band con all’attivo quattro dischi di indie rock altalenante fra intimismo e sonorità più irruente) ed una lunga pausa di riflessione sente l’esigenza di esplorare nuove modalità di espressione emotivamente sentite e totalmente personali. Ne scaturisce un percorso interiore dove alla catarsi personale si accompagna una ricerca di suoni ed atmosfere che segnano l’inizio di un nuovo percorso artistico.

Elio Rosolino Cassarà è nato a Mazara del Vallo (TP) il 18-10-1974. Dopo lunghe permanenze ad Alessandria e Venezia, ha lavorato dal 2000 al 2012 tra le città di Bergamo e Berlino. Oggi vive a Monreale (PA). Pittore con diverse esposizioni in Italia, Germania e Serbia.

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati