Leggi la recensione

Descrizione

A tre anni dall’uscita di Apocalypse sets in, i Mimes of Wine propongono un secondo lavoro, Memories for the unseen di certo molto più potente, asciutto e diretto del precedente.
Dodici brani scritti da Laura Loriga tra Los Angeles e Bologna tra la fine del 2010 e l’inizio del 2012, tra una solitudine di piano e voce e un dialogo ravvicinato con i musicisti della band: Stefano Michelotti, Luca Guglielmino, Matteo Zucconi, Riccardo Frisari.

Dal punto di vista lirico l’album raccoglie le storie di dodici voci, ognuna delle quali scende per parlare a qualcuno di importante, per riaprire un momento del passato. Le idee centrali che le legano l’una all’altra sono quella del ritorno, a volte sotto le apparenze di una fuga, e quella di una verità umana, piena di imperfezioni, che viene però cercata e amata. A volte è l’immagine di un ricordo ad essere descritta, a volte le immagini vengono inventate per dare concretezza a quello che viene detto e chiesto.
In una dimensione musicale eterea, sognante ma ricca di momenti accesi, le voci calde ed emozionanti di Laura e del suo pianoforte sono sempre in primo piano, forti e fragili al contempo, ed esprimono un pathos coinvolgente e affascinante, un caleidoscopio vorticoso di immagini rarefatte in cui i ricami importanti di violoncello aggiungono colore all’espressione di un talento musicale puro e cristallino.
Teatrale come lo erano i magnifici Devics di Dustin O’Halloran e Sara Lov, conturbante come le migliori Cat Power e Lisa Germano,inclassificabile come i Dead Can Dance, ma assolutamente personale nell’espressione del suo bagaglio musicale.

Note da ascoltare dietro una finestra in una giornata di pioggia in attesa che il sole torni a bruciare la nebbia ..e le parole.

Tracklist: 1) Under the lid 2) Altars of rain 3) Yellow Flowers 4) Charade 5) Auxilio 6) Tethmaker 7) Ester 8) Silver steps 9) I will marry You 10) Aube 11) L'incantatore 12) Hundred Birds

Credits

CREDITS:
Musiche e testi Laura Loriga
Prodotto suonato ed arrangiato dai Mimes of Wine
Arrangiamenti di violoncello di Helen Belangie
Registrato da Enzo Cimino alla Casa nel Vento - Chiesuola, Italia
Mixato nel Marzo 2012 da Adam Moseley, a Los Angeles
Masterizzato da Pete Lyman all’ Infrasonic Sound, Los Angeles
Illustrazioni e design di copertina: Brett Erzinger

Hanno suonato nel disco:
Laura Loriga: piano, voice, Elka organ
Luca Guglielmino: acoustic and electric guitars
Stefano Michelotti: accordion, shruti box, santoor, hurdy-gurdy, African kalimba, duduk, bamboo sax, harmonica, Rajastan castanets, Sao Meo flute.
Matteo Zucconi: upright bass, effects, cigar box guitar.
Riccardo Frisari: drums, percussions
Helen Belangie: cello

Altri musicisti:
Tiziano Bianchi: trumpet, flugelhorn
Luca Cristofori: Charango in Altars of Rain
Brett Erzinger: harmonica, back up vocals in “L'Incantatore”
Mitchell Erzinger: back up vocals in “L'Incantatore”
Penelope Fortier: back up vocals in “L'Incantatore”
Jonathan Tehel: back up vocals in “I will marry you”
Ariane Gaudeaux: back up vocals in “Altars of Rain”
Enzo Cimino: Rajastan castanets in “Yellow Flowers”

Discografia :
Apocalypse sets in - 2009 Midfinger rec
Memories for the unseen - 2012 Urtovox rec

Label URTOVOX info@urtovox.com
Booking by LOCUSTA contact luca@locusta.net
uff stampa e promozione UNOMUNDO promo@unomundo.it
Publishing SUPERMOTA info@supermota.it

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati