Leggi la recensione

Descrizione

A quattro anni di distanza dall’ultimo disco di inediti tornano i Modena City Ramblers con il nuovo album “Mani come rami, ai piedi radici”, in uscita il 10 marzo per l’etichetta della band, Modena City Records, con distribuzione Believe, in cd e vinile a tiratura limitata.

A differenza dei loro ultimi lavori, i Modena City Ramblers in questa nuova avventura in studio fanno tutto da soli, con l’eccezione di un’unica collaborazione di grande prestigio: la band americana Calexico, che impreziosisce di sapori desertici l’ammaliante ballata “My Ghost Town”, cantata in inglese e punto di approdo tra orizzonti morriconiani, celtici e tzigani.

Se, nel doppio cd del 2013 “Niente di nuovo sul fronte occidentale” la band aveva dato vita a 18 tracce strettamente legate a episodi di cronaca ed eventi storici, in questi nuovi 13 brani non c’è alcun riferimento a espliciti contesti o avvenimenti attuali.

Resta invece tutto il mondo espressivo caro alla band, dove la poesia si accompagna alla verve istrionica del dialetto, ma anche dello spagnolo e dell’inglese; incroci che rispecchiano la voglia di conoscere e incontrare, musicalmente di sperimentare e intrecciare stili e linguaggi. Cosa del resto frequente nella storia della band, di cui questa formazione risulta la più longeva: Dudu, Robby, Franco, Fry, Massimo, Leo e Luca suonano insieme da sette anni, hanno all’attivo cinque album e suonato in più di cinquecento concerti.

Tutti i brani sono stati scritti, arrangiati e prodotti dai Modena City Ramblers. In “Ghost Town” partecipano i Calexico, che hanno registrato le loro parti al Wavelab Studios di Tucson: Joey Burns (voce e chitarra elettrica), John Convertino (batteria), Jacob Valenzuela (tromba).

Il disco è stato registrato, come gli ultimi tre precedenti lavori, al VoxRecording Studio di Reggio Emilia da Andrea Fontanesi nel corso di tutto il 2016 e mixato da Andrea Fontanesi insieme ai Ramblers nel gennaio 2017. Il master è stato curato da Davide Barbi, collaboratore di lunga data della band.
La grafica del disco è, come per tutti gli album precedenti dal 2009 ad oggi, opera di FolkeyMonkey, pseudonimo dietro cui si cela il cantante Dudu Morandi.
TRACKLIST
01) Tri bicer ed grapa
02) Grande fiume
03) El senor t-rex
04) Gaucho, io e te
05) Welcome to tirana
06) Sogneremo pecore elettriche?
07) My ghost town – 08) Mani in tasca, rami nel bosco
09) A un passo verso il cielo – 10) Volare controvento
11) Ragas pin de stras
12) Angelo del mattino
13) Quacet putein

Credits

Luca Serio Bertolini: chitarra acustica ed elettrica, cori
Franco D'Aniello: tin whistle, flauto, sax, tromba, cori
Massimo “Ice” Ghiacci: basso, cori
Francesco “Fry”Moneti: violino, mandolino, chitarra elettrica, plettri vari
Davide “Dudu”Morandi: voce
Leonardo Sgavetti: fisarmonica e tastiere
Roberto Zeno: batteria, percussioni, cori

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati