Leggi la recensione

Descrizione

"Mi conosco dalla nascita", il primo vero album dei Modern Foca sta per penetrare nelle vostre teste con irruenza e senza troppo preavviso; come l'arrivo di un parente a voi sconosciuto che, svegliandovi nella notte, dice: “hey, ciao! Esisto anche io!”.
Non sapete ancora se vi sarà simpatico o vorreste vederlo sparire dalla vostra vita ma almeno per un caffè non gli fareste varcare la porta di casa? Sta a voi!
E magari troverete in lui un nuovo amico, un nuovo conoscente un po' strampalato e talvolta goffo che vi intratterrà con le sue storie irriverenti, con le sue avventure strambe e chissà, magari lo ascolterete annuendo e ridendo alle sue battute.
Potrebbe narrarvi di quando, "aspettando Godot", si sentiva perso, pensando che la sua fosse una vita di "serie b".
Di quando si innamorò della donna sbagliata, bella fuori ma vuota dentro; una "ragazza di plastica" che non lo conduceva a nulla di buono; insomma, una "troppo indecisa" per capire se lo amasse davvero oppure no.
Di come con calma però, passo dopo passo, quasi "a rallentatore", abbia riacquistato fiducia in se stesso e compreso che la fortuna prima o poi avrebbe baciato anche lui perché, si sa, "la ruota gira".
Fino a raccontarvi di quel giorno, quando in un "mercatino dell'usato", trovò una lettera, una vostra lettera dimenticata, in cui scriveste:
“Voglio un amico che balla", un amico che mi dia gioia e mi aiuti a superare le ansie e le paure della vita.

Ed allora, correndo come un matto vi raggiunse per darvi supporto e per rallegrarvi nella "monotonia e quotidianità" che affrontavate con un po' di sofferenza, per farvi ballare e distrarre per qualche minuto da tutto ciò che di negativo c'era attorno a voi.
Gli avete aperto la porta e lo avete accolto nella vostra intimità, nel “prive” della vostra anima, ma in fondo lui già sapeva che sarebbe accaduto tutto ciò, che il suo percorso sarebbe stato questo perchè, vi rivela a fine chiacchierata: mi conosco dalla nascita!

Credits

CREDITI AUDIO:
Produced, recorded & mixed by Modern Foca Mastered by Luca Gasperoni
IRMA Records
CREDITI EXTRA:
Le chitarre in Troppo indecisa, Monotonia e quotidianità, Prive e Voglio un amico che balla sono state suonate da Claudio Vitiello.
Il sax in Monotonia e quotidianità è stato suonato da Nicola Lucherini
I cori in A rallentatore sono stati cantati da Denise Galdo.
Il logo ufficiale Modern Foca è stato realizzato da Emiliano Fadda.
La cover dell'album è stata disegnata da Mattia Tidu con la post-produzione a cura di Luca Fois.

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati