Leggi la recensione Video in questo album (1)

Descrizione a cura della band

We Can Do It! Possiamo farlo! Questo è il titolo del primo disco dei Mom Blaster, un titolo positivo e forte. Questo momento storico è caratterizzato da una cattiva gestione dell’economia e della politica e a rimetterci
sono come sempre le persone comuni, che non hanno accesso alle stanze del potere. Il titolo e la copertina sono una citazione di un’icona culturale americana simbolo del femminismo e
dell’economia fatta dalle donne, Rosie The Riveter. Nella femminilità però è racchiuso anche il sentimento e l’amore, tema, quest’ultimo, presente in tutto il disco
ed analizzato sotto molte forte e sfaccettature.
Il titolo dell’album tra le altre cose vuole essere anche un modo per sottolineare l’importanza dell’impegno e del sacrificio; al contrario di chi afferma che e’ meglio lasciar perdere fin dal principio un progetto ambizioso perché ha poche possibilità di riuscita.
La band è convinta che “se puoi immaginare una cosa vuol dire che puoi anche realizzarla”.
I testi (in inglese) descrivono inoltre il disincanto che spesso sopraggiunge nell’età adulta verso valori come
l’amicizia, la fratellanza, i rapporti di coppia, la vita in società.
Il disco contiene nove brani registrati nel febbraio del 2013 alla Protosound di Chieti Scalo da Domenico Pulsinelli e allo Studio Flessibile di Lanciano (Ch) da Lucio Piccirilli.
Il missaggio è di Paolo Paolucci e Lucio Piccirilli, mentre il Mastering è stato realizzato da Marco Vannucci della Spitfire Mastering Studio di Pescara.

Credits

Data di pubblicazione: 12 Luglio 2013
Prodotto da: Ridens Records
Musiche e testi : Lucio Piccirilli
Sound Engineer: Domenico Pulsinelli
Missaggio: Paolo Paolucci e Lucio Piccirilli
Mastering: Marco Vannucci
Graphic Design & Logo: Davide Di Virgilio

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati