montag - Scarica e Ascolta e Testo Lyrics Gli immigrati

Brano

00:00
 
00:00

Testo della canzone

Colto sul fatto, superstite per sbaglio,
con l'anima sul terrazzo,
a san crescenzio iniziavano le scuole
per una volta senza di me,
con il dolore di andarmene
ed il sole all'incontrario
sui colloqui, sui provini, sui test.

E se dopodomani sarò a Milano e ci vedremo,
con la faccia che faccio ti sembrerò strano,
con il tempo che ho perso fingendo di conoscerti,
tiro sassi al destino ed è tutto per aria qui.

Stamattina ho scoperto la pioggia,
ti ho rubato un ombrello,
sul passante ferroviario,
ho detonato un bisogno (RAUDO) e forse
la tua voce è la cosa più forte che c'è
più forte di me
più forte del mare di dubbi che
con un quaderno e due astucci
mi pesa nello zaino vuoto in festa del perdono.

E se pisci sui tramonti in autostrada e ti senti grande,
come un proiettile scheggiato lanciato da un altro presente,
se fuori muori mentre piove, allora,
nell'occasione di un altrimenti che non vivrai mai,
tu raccogli il vento e spera.

E se dovessi cambiare idea,
come il tempo che fa qua,
se dovessi andare via,
allora capirà
da una sola lacrima negli occhi
che non le basto e non basta a me
(come emigrare dall'oggi al domani)
anche se va tutto bene, il fatto è che
che non le basto e non basta a me.

Lei mi fa sudare tuttora le mani
e mi confondono i dettagli preferisco i panorami,
se ti vedessi camminare in lontananza...
noi siamo l'unica specie che aspetta.

Album che contiene Gli immigrati

album Gli immigrati - montagGli immigrati
2015 - Pop, Lo-Fi, Cantautore
Vai all'album

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati