Il progetto negramaro nasce nel 2000 a Copertino, il paese in provincia di Lecce che ha come patrono San Giuseppe, un santo che vola e che quest’anno “compie” 400 anni. La giovane band salentina è formata da sei musicisti: Giuliano Sangiorgi (25 anni), Andrea Mariano (25), Andrea De Rocco (29), Ermanno Carlà (26), Emanuele Spedicato (22) e Danilo Tasco (24). Sono tutti autodidatti tranne Mariano, che si è diplomato in pianoforte al Conservatorio di Lecce. I negramaro affinano le proprie doti con una massiccia dose di esibizioni dal vivo, diventando ben presto un fenomeno emergente del circuito alternativo: in più di un’occasione condividono degnamente la scena live con band italiane più blasonate come Afterhours, Negrita e Verdena. Nel 2001 si piazzano fra i dieci finalisti del concorso Brand:New Talent di Mtv e nello stesso anno conquistano la vittoria del Tim Tour, culminato con un concerto a Palermo davanti a 110 mila persone. Quando, alla fine del 2002, viene firmato il contratto con la Sugar, il gruppo di Giuliano Sangiorgi ha già pronte una dozzina di canzoni rodate in due anni di performance live: a fine febbraio 2003 vede la luce l’album di debutto “negramaro”, che riscuote ampi consensi di critica sia sulle riviste specializzate sia sui magazine più mainstream. Dal disco vengono estratti i singoli “Solo” e “Mono”, dai quali vengono tratti altrettanti videoclip, a basso costo ma ad alto tasso artistico, firmati dal regista californiano Kal Karman. Dopo un tour estivo nei club, nel quale spicca l’esibizione di fronte a quarantamila persone nella tappa di Lecce dell’Mtv Coca Cola Live Tour, i negramaro tornano in sala d’incisione per realizzare, sotto la supervisione del produttore Corrado Rustici (Zucchero, Elisa, Eric Clapton, Sinead O’Connor), i brani “Evidentemente”, “Es-senza”, “Come sempre” e “Scusa se non piango”.