Tracklist

00:00
 
00:00

Descrizione a cura della band

Legami di luce è il primo L.P. ufficiale dei Newdress.
Prima di esso un disco autoprodotto “ALIBI” e un EP “Moderne Tessiture Sonore” inserito nella collana EUREKA vol 2.
Il motivo è da ricercarsi nella volontà di uscire con il primo disco completo solo con la consapevolezza di aver curato ogni fase del lavoro. A tal proposito si è deciso di utilizzare una metodologia di lavoro “vecchio stile”, consci delle difficoltà che ciò avrebbe comportato, ma sicuri che alla fine avrebbe dato i suoi frutti.
La creazione delle canzoni è cominciata all’inizio del 2011 attraverso dei provini composti attingendo da quasi 50 bozze tra melodie o brani strumentali scritti da Stefano.
Da queste bozze sono state create 15 canzoni, alcune con testi provvisori, che sono state provate in sala prove da tutta la band per poterne percepire il potenziale.
A questo punto ci si è trovati ad un bivio, andare direttamente in studio a registrare, senza confrontarsi con nessuno o come sarebbe successo ad una band emergente alla prima vera occasione, relazionarsi con un autore/arrangiatore mettendosi a sua disposizione consapevoli delle critiche ma anche degli effetti positivi che avrebbe avuto sui brani.
La scelta è caduta quindi su Lele Battista (musicista, compositore e ottimo paroliere) del quale i Newdress sono ammiratori fin dai suoi esordi con i LASINTESI.
Con lui, nel suo studio di Milano tra luglio ed agosto, sono stati scelti i 10 brani che avrebbero composto il disco e successivamente si è partiti con la pre-produzione dello stesso, curando l’armonia, la melodia della voce, gli arrangiamenti, le programmazioni elettroniche, le parti orchestrali e i cori.
I brani sono stati suonati parecchie volte per testare la resa, sono state registrate le drum machine, le sequenze elettroniche, i synth il pianoforte ecc. pronti per essere trattati in studio.
Tra settembre ed ottobre al Ritmo&Blu di Pozzolengo con la produzione artistica di Stefano Castagna e l’assistenza tecnica di Cristian Codenotti, la band si sistema con un camper nel giardino dello studio e comincia le registrazioni.
A Stefano Castagna l’arduo compito di creare il suono del disco, cercando di mantenere il sound della band, valorizzando gli arrangiamenti fatti in pre-produzione senza minimamente considerare dettami commerciali o di moda.
La complessità del disco, interamente registrato in analogico, si manifesta nella necessità di utilizzare quasi tutto il banco della regia ( in certi casi si sono toccati quasi 60 canali ) e tutto l’outboard a disposizione.
Alla base del disco c’è la volonta’ di ritornare a far eseguire le cose a chi è competente e di collaborare il più possibile con altre realta’ al fine di contaminare il suono della band con esperienze e consigli.
A tal proposito per dare un suono caratteristico alla batteria Jordan decide di utilizzarne una artigianale prodotta a Brescia da Riccardo Martinazzi la Rotodrum, caratterizzata dalla totale assenza dei fusti.
Per rendere il disco ancora più vivo viene chiamato Daniele Richiedei, violinista di altissimo livello Daniele Richiedei, che risuona le partiture di archi scritte da Lele.
Andy Fluon ( Bluvertigo ) mette la ciliegina sulla torta suonando il sax e partecipando alla stesura finale di “Bisogna passare il Tempo” scelto come primo singolo.
La masterizzazione finale è stata affidata all’orecchio e all’esperienza di Maurizio Giannotti del NewMastering Studio di Milano.
Le collaborazioni e condivisioni si manifestano anche per la grafica. Prendendo spunto da artisti amati dalla band si è deciso di dare uno stile grafico uniforme per il primo video, il disco e le fotografie.
A tal proposito sono stato incaricato il grafico Kovre di studiare l’immagine della band e la grafica del disco, e il regista Davide Franzoni di registrare il video.
Da un punto di vista del significato LEGAMI DI LUCE e’ una sorta di diario di una relazione, di un incanto, nel quale vengono fotografate tra lampi e vuoti le emozioni date dal semplice viverlo.
Il tutto è stato possibile grazie all’etichetta discografica Kandinsky Records nella persona di Paolo Bruno.

Credits

STEFANO MARZOLI Voce – Sintetizzatori – Basso
GIORDANO VIANELLO Batteria
ANDREA MAMBRETTI Chitarre
TESTI Stefano Marzoli
MUSICHE NEWDRESS e Lele Battista.
LELE BATTISTA Sintetizzatori – Rhodes – Cori www.lelebattista.it
ANDY FLUON Sax in “Bisogna passare il tempo” www.fluon.it
DANIELE RICHIEDEI Violini in “Al tatto nel buio” e “ Splendi” http://danielerichiedei.it/
ETICHETTA Kandinsky Records
UFFICIO STAMPA Davvero Comunicazione www.davverocomunicazione.com
PREPRODUZIONE E ARRANGIAMENTI Lele Battista presso lo studio Le Ombre di Milano – Luglio/Agosto 2011
REALIZZATO presso gli studi Ritmo&Blu da Stefano Castagna e Christian Codenotti - Settembre/Ottobre 2011 www.ritmoeblu.com
PRODUZIONE ARTISTICA Stefano Castagna
MASTERIZZATO da Maurizio Giannotti presso il New Mastering Studio di Milano – Febbraio 2012 www.newmastering.com
PRODUZIONE ESECUTIVA Kandinsky Records www.kandinskirecords.com/kandinsky/index.html
EDIZIONI MUSICALI Ritmo&Blu
ARTWORK Kovre www.kovre.it
FOTOGRAFIE Tiziano Reguzzi

Giordano Vianello ha suonato batterie Rotodrum di Riccardo Martinazzi www.rotodrum.com
Lele Battista appare per gentile concessione Mescal.

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati