Video première: Alessandro Fiori - Ho paura

04/11/2017 11:01

A Novembre scorso vi avevamo presentato in anteprima il primo video estratto da "Plancton", l'ultima opera discografica di Alessandro Fiori: si trattava di "Mangia!", uno strano omaggio a David Lynch e al suo "Eraserhead - La mente che cancella". Il mese scorso è arrivata poi la buona notizia che quello stesso video è stato premiato come best music video al prestigioso Southampton International Film Festival. A ritirare il premio c'era il regista e montatore Francesco Faralli. 

Oggi invece vi presentiamo il nuovo video estratto da "Plancton", "Ho paura". Questa volta Alessandro Fiori ha scelto di far rappresentare la sua musica a un video animato, disegnato e concepito da Beatrice Pucci. Solitamente dedita all’animazione in stop motion, per questo lavoro, l’artista marchigiana ha utilizzato una tecnica sperimentale, dipingendo e incidendo con inchiostro su lastra di plexiglas, fotogramma per fotogramma. 

ALESSANDRO FIORI - HO PAURA



Così Alessandro Fiori ci ha raccontato il video: "Da un oblò immerso nelle profondità degli abissi, figure di luce rossa come sirene, squali, meduse, ma anche struzzi, farfalle e forme astratte, palpitano a ritmo di musica.
Ma è solo una visione parziale di quello che succede, una visione da “scafandro”.
Le figure, infatti, appaiono solo per pochi attimi davanti ai nostri occhi per uscire di scena e scomparire in una profondità ancora più oscura."

Beatrice Pucci ha alle spalle collaborazioni con il mondo del cinema (suo l’inserto animato per il film "Tutto parla di te" di Alina Marazzi).I suoi lavori hanno ottenuto riscontri lusinghieri  e sono stati selezionati per  festival e premi prestigiosi. 
Il suo ultimo lavoro "Soil is alive" è stato proiettato al Festival Internazionale di Annecy ed è entrato nella cinquina finalista dei Nastri D’argento per l’animazione 2016.

 


 

Tag: nuovo video

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


    LEGGI ANCHE:

    Perché studiare i cantautori nelle scuole: ecco il Canone letterario della canzone d’autore italiana