Un video animato sul primo trip di John Lennon

29/08/2016 09:49 di

1965, Londra - Regno Unito. John Lennon, George Harrison, Cynthia Lennon e Pattie Boyd sono invitati da un caro amico dentista a quella che all'apparenza sembrava una normalissima cena tra amici. Il dentista però ha un'intuizione per movimentare la serata: mettere dell'LSD nei caffè dei propri invitati. Una mossa che poco dopo confesserà ai suoi ospiti, che all'inizio non la predono proprio benissimo. Lennon commenterà con un "How dare you fucking do this to us?"


Accompagnato da questo bellissimo video animato, Mikal Gilmore racconta su Rolling Stone America come quella cena a base di LSD abbia contribuito alla nascita di "Revolver".

Dopo la cena, prima che tutti salissero di corsa nella Mini Cooper di Harrison in direzione Leicester Square, i primi effetti iniziano a farsi sentire. Cynthia Lennon commenterà così quegli attimi: "It was as if we suddenly found ourselves in the middle of a horror film (...) The room seemed to get bigger and bigger"  

Arrivati all'ingresso dell'Ad Lib Club il gruppo sale in un ascensore, che in quel momento gli sembrava completamente avvolto dalle fiamme: "We all thought there was a fire in the lift, it was just a little red light, and we were all screaming, all hot and hysterical". Nel 1971, Harrison racconterà quell'episodio a Rolling Stone: "I had such an overwhelming feeling of well-being, that there was a God, and I could see him in every blade of grass. It was like gaining hundreds of years of experience in 12 hours". 

Infine, il gruppo di amici arriva a casa Harrison, trasfigurata stavolta in un enorme sottomarino: "God, it was just terrifying, but it was fantastic. George's house seemed to be just like a big submarine... It seemed to float above his wall, which was 18 foot, and I was driving it. I did some drawings at the time, of four faces saying, 'We all agree with you.' I was pretty stoned for a month or two" commenterà Lennon. 

Quest'episodio sarà fondamentale per la genesi di "Revolver"un album che centrerà magnificamente diverse tematiche con piena maturità (politica, droga, solitudine e mortalità) oltre ad aggiungere nuovi e interessanti spunti musicali. 

 

(via)

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


    LEGGI ANCHE:

    Perché "Brunori a teatro" non è solo un altro concerto di Brunori Sas