Video première: Erio - Kill It! Kill It!

14/03/2018 09:20 di

Erio, a più di due anni di distanza dal suo album d’esordio “Für El”, ha pubblicato lo scorso gennaio il singolo “Limerence”, seguito il 2 marzo da una nuova canzone ad anticipare “Inesse”, la sua seconda prova in uscita il 20 aprile per Kowloon Records/La Tempesta: si tratta di “Kill It! Kill It!”, brano realizzato con Ioshi di cui vi presentiamo oggi il video in anteprima.

Erio "Kill It! Kill It!"


Il video di “Kill It! Kil It!”, concepito da Erio con il regista Simone Tognarelli, “mostra un caleidoscopio di carne e parti di corpi nel quale infinite pianure di pelle assomigliano a formazioni geologiche in continuo mutamento, rendendo difficile dire a cosa stiamo assistendo”, con lo scopo di “evocare un senso di meraviglia e disagio al tempo stesso”. Le lenti utilizzate nel video sono “realizzate appositamente per indagare la superficie di due corpi in uno stile documentaristico e distaccato, nel tentativo di dare un’interpretazione visiva al senso di comunione sessuale e intimità del quale parla la canzone. In questo groviglio magmatico di pelle, l’unico oggetto non-umano è una piccola pillola di zucchero, una referenza velata alle droghe e al ruolo che le sostanze chimiche naturali hanno, elementi strutturali dei sentimenti, comportamenti e relazioni degli umani”.

Il nuovo album di Erio è nato principalmente a Londra, ed è descritto come un insieme di “storie criptiche di vita urbana, tragicomici amori virtuali, dipendenza e ossessione, contro il muoversi del mondo”. “Inesse”, che vede la partecipazione, oltre a Ioshi, anche di Yakamoto Kotzuga (“The Biggest of Hearts, A Glowing Gash”) e Will Rendle (“Limerence”), verrà portato in tour da Erio subito dopo l’uscita: di seguito, i primi appuntamenti confermati.

23/04 - Milano @ Gattò

24/04 - Torino @ da Emilia

26/04 - Bologna @ Off

27/04 - Roma @ na Cosetta

Tag: nuovo video anteprima

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


    LEGGI ANCHE:

    Perché "Brunori a teatro" non è solo un altro concerto di Brunori Sas