Come suona il pianoforte più antico al mondo

via Philharmonia Baroque Orchestra - via Philharmonia Baroque Orchestra -
04/01/2017 14:09 di

Bartolomeo Cristofori è stato uno dei più importanti e famosi costruttori di clavicembali del 1700. Per molti è considerato l’inventore del pianoforte moderno, è stato lui infatti a realizzare intorno al 1720 il primo Fortepiano, il “gravecembalo col piano et forte", ovvero un clavicembalo che permettesse al musicista di poter controllare l’intensità e la qualità delle note suonate.

L’intuizione fondamentale è stata quella di costruire uno strumento che non pizzicasse le corde, come i tradizionali clavicembali, ma le percuotesse con dei martelletti, proprio come un pianoforte tradizionale. Il Fortepiano aveva dei martelletti più veloci dei normali clavicembali che permettevano di ribattere in maniera istantanea la stessa nota, oltre a corde più spesse che sostenevano tensioni più elevante e sistemi di isolamento che garantivano effetti sonori del tutto nuovi.

(via)

Ad oggi ne sono rimasti solo tre esemplari, uno è conservato al Museo Nazionale degli Strumenti Musicali di Roma (di cui abbiamo scritto qui), un altro nell’Università di Lipsia e uno al Metropolitan Museum of Art di New York. Nel video potete vedere quest’ultimo suonato dal pianista Dongsok Shin mentre esegue un estratto della "Sonata numero 6" di Lodovico Giustini, uno dei primi brani in assoluto scritti per questo strumento.

(via)

Tag: strumenti

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


    LEGGI ANCHE:

    Com'è Brunori Sa, il nuovo programma di Dario Brunori su Rai 3