“Guarda come dondolo” di Edoardo Vianello è entrata in classifica negli USA grazie a Master Of None

20/06/2017 10:43 di

Che le serie tv abbiamo un impatto importante nella cultura pop moderna è un dato di fatto, e la musica ne guadagna di conseguenza. Non c’è bisogno di citarvi il caso di Nada che, dopo essere stata scelta con la sua “Senza un perché” per The Young Pope di Paolo Sorrentino, è schizzata in testa alla classifica di YouTube, o gli introiti derivanti dalle tante edizioni in vinile delle serie più famose.

Capita, poi, che un brano inciso più di cinquant’anni fa ritorni ad essere ascoltato migliaia di volte grazie solo ad una scena di pochi secondi, stiamo parlando di “Guarda come dondolo” dell’ormai settantottenne Edoardo Vianello. La canzone è stata inserita nella seconda stagione di Master Of None, la serie scritta da Aziz Ansari presentata su Netflix lo scorso 12 maggio che, come vi abbiamo già raccontato, ha diversi episodi girati in Italia e una colonna sonora con molte canzoni italiane.



Secondo i dati Nielsen, “Guarda come dondolo” ha raccolto in poche settimane più 900 download e 120mila streaming, posizionandosi alla numero dieci della top ten delle canzoni più ascoltate nel mese di maggio tra quelle apparse in programma televisivo. Ecco tutte le altre:

1. “Believer,” Imagine Dragons, Riverdale (The CW)
2. “Dancing On My Own,” Calum Scott, Grey’s Anatomy (ABC)
3. “U + Me (Love Lesson),” Mary J. Blige, Grey’s Anatomy (ABC)
4. “What’s Up,” 4 Non Blondes, Sense8 (Netflix)
5. “Homecoming,” Josh Ritter, Billions (Showtime)
6. “Say Hello, Wave Goodbye,” Soft Cell, Master of None (Netflix)
7. “Small Things,” Ben Howard, Sense8 (Netflix)
8. “Painting Greys,” Emmit Fenn, Sense8 (Netflix)
9. “Wise Enough,” Lamb, Sense8 (Netflix)
10. “Guarda Come Dondolo,” Edoardo Vianello, Master of None (Netflix)

(via)

Tag: serie tv

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


    LEGGI ANCHE:

    Un pomeriggio al lavoro con Gel: Angeli e Demoni al centro per le dipendenze patologiche