Come suonava l'Odissea, cantata in greco antico

omero statuaomero statua
24/10/2016 11:03 di

Avere la possibilità di ascoltare come venivano eseguiti i componimenti musicali di epoche storiche passate è sempre affascinante. Vi avevamo già fatto sentire alcune canzoni dell’antica Grecia o della Mesopotamia riproposte oggi usando gli strumenti e le tecniche del periodo.

Ora i due studiosi Georg Danek e Stefan Hagel - rispettivamente dell’Università di Vienna e l’Accademia Austriaca delle Scienze - dopo un lungo studio dedicato ad Omero e alle sue opere, hanno sviluppato un metodo per riprodurre i poemi omerici come venivano recitati e cantati a tempi. Qui sotto potete sentire un esempio tratto dall’ottavo libro dell’"Odissea", dove il Demodoco canta dell’amore tra Ares e Afrodite. Il brano è stato accompagnato dalla phormix, un antico strumento a quattro corde, una via di mezzo tra una lira e una cetra.

Nel corso dell’ultimo anno abbiamo sviluppato una tecnica particolare per cantare l’epica omerica" - commentano i due studiosi - "Anche se potrebbe non essere una ricostruzione del tutto esatta, rispetta l’approccio e le esigenze melodiche che, ai tempi, venivano dedicate ad ogni singolo verso. Dovete tener presente che gli antichi bardi improvvisavano continuamente le melodie creando performance del tutto uniche”.

Se volete approfondire meglio il loro metodo, potete consultare il sito dove Danek e Hagel spiegano come hanno elaborato questa particolare tecnica.

 

(via)

Tag: scienza

Commenti (1)

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati