Spotify firma un accordo per le anteprime anche con le etichette indipendenti

via blog.justgo.com/ - etichette indipendenti americanevia blog.justgo.com/ - etichette indipendenti americane
21/04/2017 12:10

Spotify continua a insistere sulla strategia di riservare agli utenti che hanno sottoscritto un abbonamento l’ascolto in anteprima dei titoli più importanti del suo catalogo. A inizio marzo aveva ufficializzato un accordo con Universal con il quale aveva previsto una finestra di due settimane per gli utenti Premium che, così, avrebbero potuto ascoltare i dischi in uscita prima degli altri.

Ora farà lo stesso con molte delle più importanti etichette indipendenti di tutto il mondo grazie ad un contratto pluriennale con Merlin, il gruppo che rappresenta nomi prestigiosi come Armada Music, Beggars Group, Domino, Epitaph/Anti, Hopeless Records, Mad Decent, Naxos, [PIAS], Secretly Group, Sub Pop, Warp e molti altri. Tali label potranno decidere se riservare o meno agli utenti Premium determinati dischi, allo stesso modo in cui può fare Universal.



(Daniel Ek)

Daniel Ek, CEO di Spotify, si è detto entusiasta di quest’accordo pluriennale ribadendo che, fin dal primo giorno, la musica indie è sempre stata una delle componenti più importanti della piattaforma. “Sono felice che Merlin abbia raggiunto un nuovo accordo con Spotify", ha commentato il presidente di Merlin Martin Mills - "Abbiamo lavorato bene insieme e questo contratto aggiornato garantisce agli indipendenti della community di Merlin di avere un’offerta molto vantaggiosa e un accesso equo al servizio, creando un ambiente commerciale in cui Spotify possa crescere a beneficio di tutti noi”

Staremo a vedere se poi le etichette sfrutteranno davvero la cosiddetta opzione “windowing”. L’Universal, ad esempio, ha preferito farne a meno e per l’uscita di "Dawn", l’ultimo album di Kendrick Lamar, rendendolo disponibile da subito a tutti. 

(via, via)

Tag: spotify streaming

Vi raccomandiamo:

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


    LEGGI ANCHE:

    Ho ascoltato “Luca Carboni” trent'anni dopo