Out Of Office, il nuovo servizio Spotify che crea la playlist ideale per la tua assenza

04/07/2016 10:00 di

I preparativi che precedono un viaggio, sia esso di lavoro o piacere, ci sfiniscono senza alcuna pietà. Prepari i bagagli, magari il passaporto è scaduto e devi correre per rinnovarlo, completi le ultime cose a lavoro e programmi la mail che risponderà automaticamente a chi scriverà durante la tua assenza, quella che appunto informa tutte le persone che lavorano con te che sei "Out Of Office". La maggior parte delle volte si tratta di una mail secca e stringata, ma Spotify ha pensato ad una maniera per renderla più creativa e divertente.

La piattaforma più utilizzata di streaming musicale continua ad innovarsi verso una direzione chiara e decisa, quella di rendere l'esperienza d'ascolto sempre più personalizzata e unica. Da qualche giorno infatti, il colosso svedese ha ampliato i propri servizi con la creazione di Out Of Office, che permetterà di allegare alla tua mail una playlist basata sul mood del tuo viaggio, fruibile da chi ha provato a contattarti nel momento sbagliato. Ovviamente è necessario avere un account per poterlo utilizzare; noi l'abbiamo provato per capire il funzionamento di questa algoritmica diavoleria.

La prima domanda fatta da Mr. Spotify durante la programmazione è chiederci (giustamente) la destinazione del nostro viaggio, inserendo nella playlist una serie di brani legati al territorio e/o alla sua tradizione scegliendo tra gli artisti maggiormente influenti nell'area, senza dimenticare i nostri gusti musicali. 

Spotify è interessata anche ai motivi del viaggio per capire quale sia (o dovrebbe essere) il nostro umore musicale. Nella stessa schermata è presente un'altra scelta personalizzabile: grazie ad una barra infatti è possibile regolare il mood del viaggio, per stringere ancora di più l'imbuto verso artisti precedentemente ascoltati e nuove proposte (più ascoltate) vicine agli stessi.

L'idea è veramente forte ed il risultato (nel mio caso) è abbastanza soddisfacente ma non sorprendente, soprattutto perché l'algoritmo tiene in forte considerazione gli ascolti dei miei contatti (rendendoli più felici) sbilanciandosi poco su vere e proprie sorprese d'ascolto, applicando il massimo sforzo nel selezionare musica che generalmente piace ai più.

Il progetto è stato sviluppato insieme ad altri brand tra cui BMW e Netflix per aumentarne l'appeal, o come nel caso del Destination Recommendation di JetBlue rendere unica la scelta della destinazione del tuo viaggio.

 

 

 

Tag: streaming spotify

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


    LEGGI ANCHE:

    Quattro cose che migliorerei di Spotify