Leggi la recensione Video in questo album (4)

Descrizione a cura della band

Canzone italiana e bel canto hanno ancora senso al giorno d'oggi?

Nicola Battisti negli ultimi dieci anni ha vissuto tra Londra, Palma de Maiorca, Philadelphia, Parigi ed è tornato in Italia per dirci che sì, ancora oggi è bello suonare italiani, meravigliosamente melodici e pieni di vita, nonostante tutto.

Artista vagabondo sempre intento a valorizzare il lato positivo e migliore della vita, trova nella forma canzone il mezzo più efficace con il quale esprimere le proprie emozioni. La sua scrittura energica e solare, punta a essere accessibile a tutti e pur nella sua semplicità mette in luce un’espressività e un’originalità che fanno emergere i tratti stilistici propri di Nicola.

La voce è il punto di forza di Nicola Battisti, rotonda e potente, rimanda a cantanti d’altri tempi in una miscela di pop, canzone d’autore e soul. Il suo approccio alla chitarra invece è più nervoso, come se avesse istintivamente bisogno del bit, del ritmo, dell’elemento percussivo per dar maggiore enfasi alle parole.

Il disco d’esordio di Nicola Battisti, intitolato semplicemente con il suo nome e cognome, si ispira al suono degli anni ’50 - ’60, ai mitici Paul Anka, Neil Sedaca, The Platters e le dodici canzoni che lo compongono non sono altro che la riproduzione musicale di un’esistenza intensa, talvolta segnata dal dolore ma sempre caratterizzata da una grande gioia di vivere.

Per le registrazioni è stata utilizzata rigorosamente strumentazione vintage (Mellotron, Wurlitzer, Hammond, Rhodes, batteria Ludwig, chitarre e bassi Fender/Rickenbacker/Gibson, banco Trident, ecc.) sia per rimandare alle sonorità dell’epoca d’oro della musica che per dare maggior calore alle canzoni.

Nella realizzazione dell’album hanno collaborato, sotto il profilo compositivo, il cantautore John Mario e sotto quello della produzione i musicisti Carlo e Andrea Poddighe: il risultato finale è un pop per nulla scontato che, pur mantenendo le proprie radici nella tradizione, anche grazie al grande carisma interpretativo dell’autore, riesce a stupire ed emozionare l’ascoltatore.

Credits

Musica e parole di Nicola Battisti | #4 #6 #12 musica di Mario Vallenari

Arrangiato e prodotto da Carlo Poddighe

Carmelo Leotta contrabbasso su #1 #4 #9

Registrato e mixato da Andrea e Carlo Poddighe @ Poddighe Studio (BS)
tranne #12 mixata da Matteo Sandri @ Monostudio (MI)

Masterizzato da Davide Saggioro @ Wise Mastering (VR)

Artwork di Giovanni Casu

Release: 31 MAGGIO 2013
www.cabezonrecords.com

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati