Leggi la recensione

Descrizione

Something To Say è il secondo album di Nicole Stella.
Prodotto e rilasciato indipendentemente, costituisce una logica evoluzione del suo precedente lavoro, New Day.
In questo album, Nicole varca il confine della musica folk e acustica, per offrire una tracklist variegata, che spazia dal pop-rock (Sometimes, Something To Say), a ballate intimistiche (You And I, Dead End), armonie inusuali in una canzone folk (Houdini) e persino una ballata elettro-rock (A Letter). Canzoni come Wild Flower, Night Of Light e Tied Down si inseriscono perfettamente nello stile acustico di Nicole, come in New Day, mentre Plastic è un interessante esperimento blues.
La bellissima voce di Nicole è probabilmente la vera protagonista dell’album, anche se chitarre e pianoforti si rivelano buoni supporter. Per questo progetto, Nicole ha coinvolto altri tre musicisti, che hanno saputo arricchire il suo sound con molta competenza: Claudio Benvenuto (chitarra elettrica e slide guitar in Sometimes, Houdini, Something To Say, Night Of Light, Plastic), Giorgio Campera (basso in Sometimes e Something To Say) e Davide Lepido (batteria in Sometimes, Houdini, Something To Say e synth in Plastic e A Letter).
L’album tratta la tematica della libertà, vista come una costante ricerca. Alcune canzoni usano dei precisi riferimenti culturali per simboleggiare la libertà e lo sforzo necessario a trovarla. In Houdini, il grande escapologo ne costituisce un esempio. “Il mio cervello è la chiave che mi rende libero” è una sua citazione, che si trova sulla copertina dell’album. A Letter, invece, affronta la connessione tra libertà ed affetti familiari, traendo ispirazione da Franny & Zooey, racconto di J.D. Salinger.
Le altre canzoni, anche se connesse all’esperienza persona della cantautrice, possono essere considerate una chiamata universale alla libertà, non solo da condizionamenti esterni ma anche da noi stessi.
In generale, l’album affronta tematiche stimolanti, offrendo al contempo un mix interessante di diversi generi musicali.

Credits

Tutte le canzoni sono scritte e interpretate da Nicole Stella.
Hanno partecipato alla realizzazione dell'album:
Davide Lepido - fonico, batteria su "Sometimes", "Something To Say", "Houdini" e synth su "Plastic" e "A Letter"
Claudio Benvenuto - chitarra elettrica su "Sometimes", "Something To Say", "Houdini", "Night Of Light" e chitarra slide su "Plastic"
Giorgio Campera - basso su "Sometimes" e "Something To Say"

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati