"Sounds from the Earth crushed with machines for human beings"

Il progetto Phinx nasce nel 2007 ed è formato da Francesco Fabris (produzione, voce, sintetizzatori, chitarra, piano), Daniele Fabris (sintetizzatori, sequencers), Pietro Secco (basso, sintetizzatori) e Alberto Paolini (batteria, percussioni).
Nel primo anno di vita pubblicano “Bunker” una demo di 7 brani, che prende il nome dalla sala prove da sempre usata anche per registrare i propri lavori.
Nel 2010 pubblicano "Login" edito dalla Irma Records di Bologna. Con l'esordio discografico i Phinx continuano la propria attività principale, da sempre legata al live, con più di 150 concerti all'attivo in tutta Italia e all'estero, suonando in importanti club e festival con artisti come Kap Bambino, A Place to Bury Strangers, Beady Eye, Alex Metric, Congorock, Roy Paci & Aretuska, Mgz, Motel Connection, Ministri, Verdena.
Il primo singolo "The Gamer" entra in programmazione in molte radio indipendenti e in diversi network ed il relativo video viene premiato al P.I.V.I. del MEI di Faenza.Il secondo singolo “Italian Job” è stato invece scelto da iTunes come “single of the week” e il relativo video, auto-prodotto a zero budget e girato dalla band stessa nel giardino di casa, è stato programmato su più di 150 radio italiane ed estere ed è entrato in rotazione su emittenti quali DeeJay Tv, Music Box, Italia 2, Rock Tv ed Mtv con la piattaforma americana Iggy dedicata alle più interessanti proposte internazionali. Successivamente esce il singolo “Login”, con un video sempre no-budget, del quale sono state create altre versioni da diversi collettivi artistici di videomaker e diversi remix da parte di altrettanti producers.
Nel 2011 la band con il coreografo Michele Mastroianni e la sua compagnia di danza danno vita ad un nuovo progetto artistico intitolato "A Wall Door". Lo spettacolo fonde musica live, danza, light design e proiezioni visual, ed è stato presentato con successo al Festival di Bolzano Danza, al Teatro Comunale di Vicenza e al Teatro Olimpico di Roma vincendo il premio T.A.T. patrocinato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri.
Dopo un anno e mezzo di tour promozionale di "Login" si chiudono sei mesi nel proprio studio per produrre un nuovo e diversissimo lavoro intitolato "Hòltzar".
“Hòltzar”, parola provieniente dalla lingua cimbra (tronchi/alberi), viene ideato in una baita in montagna per poi essere prodotto, registrato e mixato nell loro project studio. E’ un lavoro minuziosamente studiato che si avvale di un’elettronica intrisa di elementi concreti, strumenti acustici orientali e occidentali. Diverse sono le collaborazioni con Ekat Bork, Bologna Violenta, Reanimation Squad, Martino Cuman e Spano.
“Hòltzar” viene pubblicato nell’aprile 2013 e riceve subito entusiastiche recensione da parte della critica, dando via ad una serie di live che portano la band a suonare in tutta Italia e in Europa con concerti in Germania, Olanda, Slovacchia e Repubblica Ceca.