Descrizione

Ascolto l’EP dei Pliskin tutto d’un fiato e penso subito che non ci sia titolo più azzeccato di “Fino all’ultimo respiro”, per racchiudere il senso dei brani che contiene ed il suono denso e deciso che caratterizza questo lavoro. Una volta che si comincia con il primo dei quattro pezzi, si viene catapultati in un viaggio fatto di suoni trascinanti che senza forzature, in maniera naturale e travolgente legano perfettamente una traccia all’altra come se ciascuna fosse la continuazione di quella precedente che si evolve. Non si mette in pausa né si va avanti o indietro. Si lascia che i suoni scorrano e si entra in una dimensione emotiva molto forte che dà la sensazione di essere davanti ad un palco per un concerto dal vivo dalla cosiddetta “pacca” intensa.
Da subito si capisce che l’intento era proprio quello di non snaturare i brani e far sì che il lavoro finito fosse la trasposizione del radicato legame artistico tra i componenti della band e della loro visione musicale.
La registrazione in presa diretta ha permesso di mantenere proprio quella magia e la voluta scelta di non aggiungere orpelli ma lasciare spazio all’ interpretazione dei Pliskin, è stata il fondamentale filo conduttore dell’EP. Più che l’attenzione al dettaglio, è stata data priorità alla cura dell’amalgamazione generale e all’impatto emotivo che soprattutto in alcune parti strumentali, è un piacevole lasciarsi andare che tocca la psichedelia. La risultante è un suono definito, che crea un percorso credibile dove l’autenticità la fa da padrona. La sensazione è un po' quella di ascoltare diverse fasi di una stessa storia, di toccare da vicino le emozioni espresse ed entrarci come se il suono “te le spalmasse in faccia”.
E’ il ritorno ad una scelta sonora vintage tipica dei gruppi di un’altra epoca e l’intenzione arriva forte e chiara.
La firma è dei nostri Claudio Morselli (Ex Esagono Studio) e Stefano Morselli che hanno svolto tutte le fasi di registrazione, mix e mastering di “Fino all’ultimo respiro” nel “Manifatture Morselli Recording” studio di Modena.
Non di meno importanza poi, è il fatto che tutto è ben condito dai testi del cantante Pierpaolo Lauriola, che ha saputo descrivere stati d’animo di una certa intensità in maniera diretta e semplice, senza ricorrere a paroloni impegnativi quanto più ad immagini evocative che rimangono fissate nella testa dal primo ascolto, senza mai cadere nella noia e nella banalità.
Registrare questi brani ed avere a che fare con Pierpaolo, Luca e Roberto, ci ha resi soddisfatti e pienamente contenti per l’obiettivo raggiunto e per l’atmosfera di scambio e condivisione che si è creata tra tutti noi sia come professionisti che come persone prima di tutto. Forse proprio questa è stata la chiave che ha permesso una comprensione così profonda del progetto, delle emozioni in esso racchiuse e dell’importanza di darne rilievo.
In bocca al lupo ai Pliskin per il proseguimento del loro percorso.
Gli auguriamo che ad ogni fermata sempre più persone salgano sul loro vagone treno, per assaporare un viaggio nel quale non importa neppure la meta, perchè racchiude già in sé qualcosa di unico ed autentico.

A cura di: Sarah Morselli, Sez. Ufficio-Stampa dello studio “Manifatture Morselli Recording”.

Credits

Pierpaolo Lauriola // voce, chitarra.
Roberto Colombo // basso.
Luca Giuffrida // batteria.

Claudio Morselli e Stefano Morselli // Mix e Mastering
Copertina di Giuseppe Biancofiore.

Queste canzoni raccolgono il suono portato in scena durante i concerti.
«Tutto è partito dai live», «Ci siamo rintanati prima nella cascina milanese del mare culturale urbano e poi nello studio Manifatture Morselli Recording di Mondena il 26 e 27 Gennaio 2018 con i tecnici del suono Claudio e Stefano Morselli. Lontano dal caos della metropoli, abbiamo iniziato a destrutturare i pezzi ogni giorno per ore, ponendo le basi per questo Ep registrato tutto in presa diretta».

All songs by Pliskin
© Musica e Testi depositati alla SIAE da Pietro Paolo Lauriola.

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati