Tracklist

00:00
 
00:00
Leggi la recensione

Descrizione a cura della band

PLUNK EXTEND
“PRISMA”
(QB Music)

Data di uscita: dicembre 2014

Non un ep ma un disco vero e proprio per la band che qualcuno ha definito “totalmente priva di senso comune”. Cinque tracce corrispondenti a cinque colori per un art-rock multicolor che ha lo spirito dei Settanta ma si muove nel presente con un cuore psichedelico, pop e visionario.

“Prisma” è il primo vero disco dei Plunk Extend, formazione milanese dedita ad una forma rotonda e imprevedibile di art-rock ad alta gradazione emozionale. Cinque tracce corrispondenti a cinque colori per un lavoro che, nelle intenzioni della band e nella densità di ogni singola traccia, non è un ep ma un disco vero e proprio, anzi un concept album che usa i colori come metafora. Ogni colore-traccia infatti rappresenta una delle personalità del gruppo, lasciata libera di sviluppare la propria visione musicale e della vita con l'aiuto sinergico degli altri componenti.

In questo modo “Prisma”, che è stato registrato dai Plunk Extend in totale autarchia dopo oltre un anno di scrittura, è un disco che mette al centro i singoli membri della band e la loro unione. Un qualcosa che è un esperimento e una scommessa. Un esperimento perché questo lavoro è il punto finale di una ricerca identitaria da parte della band e insieme il primo mattone di una costruzione di suono e immaginario che i cinque intendono portare avanti, trasformandola ed adattandola alle insidie del tempo. Una scommessa perché, nonostante ogni traccia esalti le singole caratteristiche di chi l'ha concepita, l'obiettivo è quello di fare del disco un qualcosa di molteplice ma coerente, che viva di cambiamenti decisi e imprevedibili dentro un'unità di fondo, e sia anche sincero e fieramente fuori moda.

Partendo da elementi semplici e simbolicamente aperti ad infinite interpretazioni (i
colori) e da alcune funzioni fisse degli strumenti in fase di arrangiamento, le cinque canzoni raccontano cinque storie dipingendo altrettanti quadri differenti, simbolici e monocromatici (potremmo addirittura definirli magici), luoghi della fantasia che sono più che altro rifugi: l'elemento forte che li accomuna e li caratterizza è la fuga, il rifiuto della realtà così com'è.

Qualcuno ha detto che i Plunk Extend sono una band “totalmente priva di senso comune”. Per loro questo è un complimento bellissimo. Non a caso amano la definizione di art-rock perché essa presuppone una ricerca che sta al di là della musica, e che la guida, ignorando, nel processo, più confini possibile. Il loro approccio ricorda involontariamente certe coraggiose formazioni del rock italiano anni '70 di area prog ma non solo, ma con un suono riportato al presente e privo di nostalgia. Senza logiche spettacolari o artifici, i Plunk Extend provano a convogliare in “Prisma” canzoni che sappiano stupire e insieme siano anche accessibili. Una vena psichedelica da una parte (in senso lato) e un'arteria pop dall'altra (in senso lato) che si incontrano in un cuore-prisma pulsante, visionario e onirico.

Credits

Lorenzo Cetrangolo - voce
Daniele Cetrangolo - chitarre acustiche, basso, cori
Mattia Pontremoli - batteria, percussioni
Andrea Tedesco - chitarre elettriche, cori
Alessio Montagna - basso, cori

Testi, musiche e arrangiamenti dei PLUNK EXTEND
Prodotto da PLUNK EXTEND e QB MUSIC

Registrato da Daniele Cetrangolo al QB Music Studio di Milano tra il 2013 e il 2014
Missato e masterizzato da Roberto Rizzi al QB Music Studio di Milano nel 2014

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati