Leggi la recensione

Descrizione

"PRISTINE MOODS" – esordio omonimo, in omaggio a Robbie Basho
Dopo anni di militanza e sperimentazione in varie band (Minor Swing Quintet, Elanoir, DHOS), Matumaini decide di incidere qualcosa di totalmente suo, un repertorio di brani folk, chitarra e voce.
Nella fase di ricerca dei musicisti che l'avrebbero accompagnata in questa registrazione avviene l'incontro con Gherardo Zauber e quel magico strumento che è il theremin, e Michele Venturi, giovanissimo talento nell'ambito della chitarra acustica. Nasce così Pristine Moods, dall'incontro e la fusione di tre musicisti che, partendo dalle prime incisioni di Matumaini, si incontrano nelle prime improvvisazioni in sala prove per reinventarsi insieme.
Il nome deriva proprio da uno dei maggiori chitarristi acustici, Robbie Basho, che in uno dei suoi scritti associava ad ogni accordatura un colore e una sensazione; la loro attenzione è ricaduta sul Pristine White, colore/mood associato ad un'accordatura che utilizzano in alcuni brani dell'album. Da qui l'idea del nome Pristine Moods (spazi d'animo incontaminati).
"Ci piace immaginare il disco come uno di questi spazi incontaminati, come quegli audiolibri di favole che ti regalavano da bambini. Attraverso un'atmosfera fiabesca cerchiamo di tornare un po' indietro, perchè da bambini si vedono le cose in maniera più semplice e giusta e allo stesso tempo si sogna, tanto." (Matumaini)

Nel disco figurano anche gli Alice Tambourine Lover, voce e dobro in "Grow Up", musicisti (Alix) e amici che hanno ispirato e in qualche modo portato alla registrazione di questo disco. Menzione speciale a Roberto Rettura de Lo Studio Spaziale (Calibro 35, Iosonouncane, Enrico Gabrielli, Junkfood), presenza unica e fondamentale che, insieme a Matumaini, ha guidato la produzione del disco dalla pre-produzione al mix ... indubbiamente il quarto Pristine di questo album.

Credits

CREDITS:
PRISTINE MOODS
2015 - I DISCHI DEL MINOLLO
Produced by Matumaini & Roberto Rettura
Recorded and mixed by Roberto Rettura @ Lo Studio Spaziale (BO)
Mastering: Max Ficara @ SilverLining Studio (MI)
All tracks published by A Buzz Supreme (FI)
Distribution: Audiglobe/Digitalea

Pristine Moods are:
MATUMAINI (voce, ukulele, mandolino, banjo)
Diplomata in chitarra moderna e world music al CFM di Bologna, Matumaini (aka Laura Masi), ha suonato in vari progetti musicali fin da quando era piccola, spaziando dal rock al jazz, dal folk all'elettronica (Spider Joint, Elanoir, DHOS, Minor Swing Quintet) e collaborando parallelamente anche con altri gruppi (Alice Tambourine Lover).
Da qualche anno ha deciso di dedicarsi ai vocalizzi baritonali e di "abbandonare" temporaneamente la chitarra per provare altri strumenti: ukulele, mandolino e banjo. Probabilmente continuerà su questa strada, in particolare per la comodità del trasporto sul suo inseparabile motorino.
GHERARDO ZAUBER (basso, theremin)
Gherardo Zauber è la Microrchestrina Situazionale Zauber, nata quando, smettendo di fare il fotografo, Gherardo inizia a dedicare il suo tempo libero prima a strimpellare la chitarra e poi ("magia!" pensò la prima volta che ne vide uno) a suonare il theremin. Trasforma così la sua stanza in una attrezzatissima sala prove, con annessa birra fatta in casa.
MICHELE VENTURI (chitarra, voce)
Michele Venturi nasce a Bologna nel 1992 (uno "sbarbo"!) e fin da molto piccolo, stimolato dalla sorella maggiore e dal padre, passa buona parte delle sue giornate con l'orecchio teso verso gli altoparlanti dello stereo di casa. All'età di 5 anni riceve in dono la sua prima chitarra e da lì inizia il suo percorso da chitarrista. Per diversi anni studia chitarra classica con i Maestri Gianni Landroni, Mario Mariotti, Mario Serio, Daniele Chiefa e chitarra elettrica con il maestro Luca Cantelli, per poi specializzarsi con talento nelle varie tecniche stilistiche della chitarra acustica con il Maestro Sergio Altamura.

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati