Indie/Grunge rock italiano, basso+batteria+chitarra/voce

I Radioclone nascono a Biella nel 2002 e, influenzati da band come Motorpsycho, Radiohead, Police e Nirvana, iniziano subito con la produzione di brani propri, cantati in italiano.
Il nome della band prende spunto dell'album "Songs for the Deaf" dei "Queens Of The Stone Age" del 2002, in cui viene citata più volte "Klon Radio".
La formazione originale prevedeva, oltre ai 3 attuali elementi, anche una chitarra solista, con cui sono stati registrati in studio "ep_01" nel 2004 e "Cento lettere rosse" nel 2007. Il cambiamento di line-up avvenuto nel 2007 ha costretto la band ad uscire dalle scene per concentrarsi nella creazione di nuovi bravi da proporre dal vivo, fino al ritorno avvenuto nel 2010 in occasione della prima edizione del festival "Apocalypse Dudes".
Oltre alle edizioni 2010, 2011 e 2012 del già citato "Apocalypse Dudes" vanno ricordate le partecipazioni a "Giovaninrock" del 2004, in cui sono stati premiati come miglior band dalla giuria popolare, "Rock Targato Italia" nel 2011, le edizioni 2011, 2012 e 2013 del "Music Does Label Festival" di Aosta, e nel luglio 2012 il primo "Biella Rock festival" che hanno vinto con "Velia", brano di apertura del nuovo album nonché primo singolo estratto.
Per la realizzazione dell'album, composto da 8 brani ed interamente scritto, arrangiato e autoprodotto, i Radioclone hanno collaborato con Christian Borri/Plug&Play per le sedute di registrazione e l'editing dei brani, e con Andrea "db" Debernardi per la parte di missaggio e mastering.

Nella prima settimana del mese di novembre 2012 "Velia" ha raggiunto la 45esima posizione nella classifica "Indie Music Like" a cura del Mei ( Meeting degli indipendenti - Festival della produzione musicale e culturale indipendente italiana ).

www.facebook.com/radioclone