Giancarlo Frigieri In love [W/ Mosquitos] 2009 - Folk

In love [W/ Mosquitos] precedente precedente

La ricchezza musicale sente le necessità oggi di esprimersi per sottrazione. Di spezie che coprano piatti acri infarciti di musica difficile da digerire ce ne sono fin troppi in giro. Ecco perché si divorano con morsi famelici quelle pietanze cucinate con ingredienti base, di quelli che riconosci al primo assaggio la composizione e ne apprezzi il gusto pieno, naturale. Giancarlo Frigieri ha fra i suoi pregi migliori quello di essere un compositore/artigiano. Una dote che aveva già dimostrato nei Joe Leaman, e che conferma in questa sua carriera da solista iniziata alcuni anni fa che lo vede cimentarsi con un cantautorato di indubbia aspirazione americana, che si avvale però di progetti paralleli, composizioni che si intersecano, contributi musicali di e con amici musicisti viandanti che percorrono con il chitarrista emiliano la strada di questo lungo viaggio. E' il caso dei Julie's Haircut che lo ritrovano nel loro "Our secret cerimony" in veste di ospite gradito e co-autore di alcuni brani e lo stesso vale in questo suo ultimo lavoro per i Mosquitos, band laziale con cui Giancarlo dialoga musicalmente condividendo affinità elettive e sensibilità musicale. Nove ballate acustiche, tirate giù tutte d'un fiato, leggere e strazianti come solo l'amore può essere, che ti cullano meravigliosamente nel crepuscolo estivo: "In Love" è un disco fragile e liberatorio, come le corse a perdifiato nelle campagne della tua infanzia, il vento che passa leggero e scompiglia i capelli della persona con cui hai appena fatto l'amore. Cupidigia, brama, incontri che consumano la pelle, tenerezza, devozione, bellezza. Le armonie vocali riportano alla stagione d'oro di Crosby, Stills, Nash & Young e in alcune occasioni fanno rotta verso i demoni notturni di un Lou Reed d'annata ("Like Aliens"). E' folk avvitato da atmosfere country, l'intimità acustica di corpose chitarre, la malinconia di una passeggiata sotto la pioggia. Un lavoro essenziale, pulito, di sostanza, messo giù di pancia, con un approccio decisamente lo-fi e perciò spoglio di abbellimenti inutili. Nove tracce che si fondono in un incredibile melodia, con suoni e colori pacati, che si consumano con lentezza nella nebbia e nella successiva rischiarita ti travolgono con una valanga di emozioni ("In Ship").

---
La recensione In love [W/ Mosquitos] di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2009-06-17 00:00:00

COMMENTI (1)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • unbrucoblu 12 anni Rispondi

    che bella recensione! in love è una magia .. =)