< PRECEDENTE <
RECENSIONE
22/03/2010

I 3x0 fanno rock. Di quello classico. Di quello vecchio stampo. Una sorte di sintesi decennale della storia della musica. Di originale c'è ben poco, se non l'idea di riuscire ad unire più visioni del rock in un disco che ne sintetizza l'essenza. E ci si trova, quindi, davanti a brani come "Tourist of empty space" ed "Esotica" che sanno di 80s e 90s, di grunge e hard rock e Metallica. Ma ci si trova anche di fronte all'immancabile (per davvero?) brano dai sapori terzomondisti, che odora di Toto, "Parsifal". "Simbiosi" pare invece uscita da un ultimo Chris Cornell.

Le produzioni sono tutte di alto livello, e si percepisce l'alta tecnica e la capacità della band. Le trame sonore sono pienamente valide. Il problema è il ridondante ritorno a ciò che tutti noi, nel bene e nel male, abbiamo già sentito. L'unico sprazzo di vera sperimentazione di genere è la traccia conclusiva, "The 2nd of two possibilities", in grado di andare oltre ad alcuni stereotipi classici da cui i 3x0 pescano fin troppo. Un buon suono, certamente. Ma davvero poca novità. A volte bisognerebbe osare.

Tracklist

00:00
 
00:00
Commenti
    Aggiungi un commento:

    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
    > PROSSIMA >