< PRECEDENTE <
album AnanaB - Eildentroeilfuorieilbox84

recensione Eildentroeilfuorieilbox84 AnanaB

2009 - Rock, Progressive, Noise

RECENSIONE
19/02/2010

Ci sono dei momenti in cui ti vorresti buttare sotto un treno. Che forse è l'introduzione peggiore per un disco, ma la musica si sa, si incastra nelle tue vicende e si adatta. Certe volte ti aiuta a crogiolarti nel dolore, a piangere fino a farti venire le petecchie intorno agli occhi, a farti rimanere senza respiro, con il cumulo di lacrime che ti intasano il cervello, altre volte... no. E' la musica giusta, quella perfetta, come una sorta di unguento miracoloso che si stende sui tuoi neuroni alterati, li seda, tu inizi a respirare di nuovo e riesci magari anche a seguirle e addirittura a canticchiarle mentre le canzoni vanno avanti, del tutto ignare (o magari assolutamente consapevoli, chi lo sa...) della loro capacità magica.

E inizia un nuovo viaggio, uno stravagante turbinio di pensieri, se quel disco che hai deciso di ascoltare proprio in quel momento, è "Ananab". E mica è facile. Già dal nome della band: Eildentroeilfuorieilbox84 capiamo che siamo di fronte a qualcuno che le parole le rivolta a proprio uso e consumo. Per non parlare della musica. A parte che il disco inizia con un urlo "Dire no", dopo appena tre secondi di intro di pestaggio corale tra basso, chitarra e batteria. Dopo un attimo di disorientamento iniziano a navigare nel loro groth rock, ovvero la musica "usata" per definire frasi, caricare umori nel testo, dipingere scenografie mentali. Martellanti, aciduli, più che groth, lasciatemi usare un parolina più abusata, freak. E l'atteggiamento è quello, cazzone e cialtrone, innamorato di ciò che si fa. Ottimi su disco, esaltanti dal vivo, il gruppo romano non si limita neanche solo a questo. Perchè tutto farebbe presupporre un non-sense di fondo, ma siamo molto lontani da tutto ciò.

L'ho detto all'inizio: ok, mi avranno anche distratta dal mio solipsismo tragico, ma non è semplice questo disco. Qui le cose sono serie. Astruse, ma taglienti. Fantasiose, per costruzione e resa, per come si incastrano strumenti e voci; e testi declinati tra lo scientifico, il filosofico e lo storico che non fa una grinza. Precisi, giocosi e drammaticamente reali. Prolemi di umana bestialità e di pacato pragmatismo Galileiano. Non facile, quindi, e pure salvifico.

Tracklist

00:00
 
00:00
Commenti (7)
Carica commenti più vecchi
  • Iosonouncane 21/02/2010 ore 14:02

    io vi voglio molto bene

    > rispondi a @iosonouncane
  • trovarobato 22/02/2010 ore 10:11

    Un gran disco e un gran bell'ensemble, che dal vivo garantisce sfracelli spettacolari: ma l'ironia, la sagacia, la satira graffiante....sono sparite dall'indipendente italiano?
    Eildentroeilfuorieilbox84 tengono alta la bandiera.

    > rispondi a @trovarobato
  • La Muga Lena 22/02/2010 ore 11:20

    dire BOOX , non basta.

    > rispondi a @lamugalena
  • Music for No Movies 22/02/2010 ore 19:59

    Ottimi

    > rispondi a @mufonomo
  • PIAZZA CASTELLO restaurant cafè 04/02/2011 ore 18:26

    se passate da San Severo fg posso ospitarvi per un live
    info@piazzacastello.net
    un abbraccio
    Antonio

    > rispondi a @piazzacastello
Aggiungi un commento:

ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
Chi ha letto questa recensione ha visto anche:
> PROSSIMA >
Pannello

TOP IT

La top it è la classifica che mostra le band più seguite negli ultimi 30 giorni su Rockit.

vedi tutti

ULTIMI ALBUM

Gli ultimi album con ascolti caricati dagli utenti.

vedi tutti