< PRECEDENTE <
album Se mi rilasso…collasso - Bandabardo'Primascelta

recensione Bandabardo' Se mi rilasso…collasso

Danny Rose / Venus Dischi 2001 - Rock, Folk, Acustico

RECENSIONE
02/07/2001 di Luca Birattari

I cd live con inediti contenenti tracce raccolte nella precedente tournèe, al fine di promuovere una nuova serie di concerti, è una moda consolidata alla quale anche la Bandabardò non ha potuto far altro che adeguarsi.

L'idea, di per sè, non mi va troppo a genio perché resto convinto che i cd live abbiano un senso solo quando raccolgono emozioni di un singolo evento indimenticabile (vedi "The Concert in Central Park" di Simon & Garfunkel) ma mi adeguo anch'io ed inserisco il cd nel lettore e faccio il mio onesto "lavoro" di recensore.

Si parte con l'inedito e da subito l'approccio mentale scettico cambia: Manifesto è proprio un bel pezzo, da Bandabardò classic, stimolante nel testo e ciondolante nella musica. Erriquez vuole manifestare, il mondo gliene dà occasione ogni giorno… è sufficiente sentire uno dei tanti finti TG che la TV ci propina ogni giorno… ma lo fa a modo suo, sempre con gli occhi di Fernandez… il fricchettone che un giorno guiderà il mondo senza dover dare ordini a nessuno;
"oggi non lavoro, oggi non mi vesto / resto nudo e manifesto / sono fuori dal coro, nettamente diverso / le mode se ne vanno, io resto! e manifesto"…. e poi….

"penso a meno stress e più farfalle, meno chiacchiere alle spalle / non ho più silenzio, non ho più un pretesto / gli eroi se ne vanno, io resto! e manifesto!"… "faccio un gesto e manifesto".

Il gesto dei fan ai concerti è il pugno sinistro alzato, come durante i concerti di tanti altri gruppi alternativi, ma il 12 Maggio dove eravate tutti?? booh!! Forse la Banda scrivendo questo pezzo pensava a uno, nessuno, 100.000 gesti diversi, gesti comuni che si fanno per sé stessi, per sentirsi vivi e liberi nonostante chi sta sopra di te faccia di tutto per ricordarti che non è così.

Intanto che la mia mente vaga e cerca di interpretare (è bello quando un'artista, un poeta o un filosofo non ti fa capire completamente quello che ha in testa ma lascia spazio alla tua fantasia…) il cd prosegue e dimostra che l'obiettivo di riprodurre l'atmosfera che si respira ai concerti live del gruppo toscano è stato ottenuto. Il ritmo è quello giusto, la qualità della registrazione ottima e la scaletta contiene tutte le più belle tracce della storia della band... peccato solo che manchi la bellissima "Ho la testa".

Inoltre l'arrangiamento di molti pezzi è decisamente originale e fornisce al cd una ulteriore ragione di esistere e di essere apprezzato, esattamente come le inedite foto di Gianluca Giannone e la prefazione di Alessandro Benvenuti presenti nel libretto.

L'invito e il consiglio sono quindi di acquistare questo lavoro e di "manifestare" tutta la vostra allegria ai concerti della Banda.

Tracklist

Ascolta su: Apple Music Amazon Music Tidal
00:00
 
00:00
Commenti
    Aggiungi un commento:

    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
    Chi ha letto questa recensione ha visto anche:
    > PROSSIMA >
    Pannello

    TOP IT

    La top it è la classifica che mostra le band più seguite negli ultimi 30 giorni su Rockit.

    vedi tutti

    ULTIMI ALBUM

    Gli ultimi album con ascolti caricati dagli utenti.

    vedi tutti
    Cerca tra gli articoli di Rockit, gli utenti, le schede band, le location e gli operatori musicali italiani