Inkoma Ti spacchi il culo e resti lì… 2001 - Rock, Punk

precedente precedente

Registrazione scandalosa, ma scandalosa davvero. Tanta voglia di suonare senza mica troppe balle o fronzoli “vieni nel pogo ti devasterai, scendi giù in pista ti divertirai”. Roba di sudore e giovinezza, alcool e punkitudine. ‘Pogo Nancy Con un lucchetto al collo Vanilla Inkoma’. Vedete? E’ facile. Mettete in fila i titoli dei 5 pezzi che compongono questo democd degli Inkoma e capiterete tutto. Tipo rebus facile facile. Che musica fanno? punk. di cosa cantano? punk. In italiano. Roba diretta e secondo i classici canonizzati: Sex Pistols, Exploited e primi Punkreas (che siamo in Italia). “una forma di rifiuto per questa società, in cui non credi e ti cambia la realtà”. Niente di più niente di meno. C’è di buono che almeno non se la menano. E questo in un certo qual modo ce li fa apprezzare. Come nell’ironica quanto divertente Vanilla “ed io urlo come un pazzo quando lei è lì sul mio mazzo”. Fine. Vedremo un pò al prossimo lavoro (ci sarà?), se saranno diventati punkabbestia allo sbando o se avranno trovato una propria chiave di lettura punk al mondo, musicale e non.

---
La recensione Ti spacchi il culo e resti lì… di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2001-09-16 00:00:00

COMMENTI

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia