The Shadow Line I giorni dell'idrogeno 2011 - Rock, New-Wave, Indie

I giorni dell'idrogeno precedente precedente

Permettetemi questa: "Si chiude dietro di noi il cancelletto della pura fanciullezza – e ci si addentra in un giardino incantato. Persino le ombre vi risplendono promettenti. Ogni svolta del sentiero è piena di seduzioni. E questo non perché sia una terra inesplorata. Si sa bene che tutta l'umanità ha già percorso questa strada. È il fascino dell'esperienza universale dalla quale ognuno si aspetta una sensazione particolare e personale – un po' di noi stessi".

Sarà forse pretestuoso iniziare una recensione degli Shadow Line con la citazione da "The Shadow Line", ma il buon vecchio Joseph Conrad in questo caso si prestava bene. "Ogni svolta del sentiero è piena di seduzioni": gli Shadow Line stanno crescendo e si lasciano sedurre dai cambiamenti. Il più vistoso, naturalmente, è quello linguistico: il secondo album della band romana è tutto in italiano, con conseguente guadagno in termini di ricchezza e sfumature dei testi.

Anche alla seduzione dai cambiamenti "interni" il gruppo non è immune: molti pezzi iniziano con un mood e si concludono dopo aver, anche più volte, mischiato le carte. Non che "sia una terra inesplorata. Si sa bene che tutta l'umanità ha già percorso questa strada", la strada della ricerca di una voce che sia propria e riconoscibile anche se nasce dall'incontro di tante voci ispiratrici. In questo caso si incontrano rock inglese, soprattutto new wave – soprattutto nella sezione ritmica ("La vita sognata"), rock italiano "colto" (la verdeniana "Regole di ingaggio") e anche leggeri tocchi post-rock ("Il limite"). Sì, abbiamo già percorso questa strada, ma in fin dei conti, finché c'è chi riesce a mantenerla liscia, scorrevole e moderna, è ancora piacevole passeggiarci.

---
La recensione I giorni dell'idrogeno di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2011-10-06 00:00:00

COMMENTI (9)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • dougthedog 11 anni Rispondi

    In anteprima su Rolling Stone Italia il video di Regole di Ingaggio, girato da i ragazzi de Il Polimorfo. Date una annusata!

    ttp://www.rollingstonemagazine.it/musica/notizie/the-shadow-line-i-giorni-dellidrogeno/43688

  • isognatoridesiderosi 11 anni Rispondi

    Che è il gioco delle somiglianze? Io ci sento: Baustelle, Cremonini, Elisa, qualcosa stile anni '90 come i La Sintesi, alla fine non mi dispiacciono affatto...

  • latitante 11 anni Rispondi

    io non c'ho trovato nè baustelle nè perturbazione...forse gli epo...

  • whoiswho 11 anni Rispondi

    del tipo? nel senso, chi è che NON lo fa dopo la splendida recensione a TruceBaldazzi salvatore della musica italiana?

  • frank1991 11 anni Rispondi

    Perturbazione, decisamente.

  • luigixiv 11 anni Rispondi

    Vero, belle melodie e ottimo lavoro sulle chitarre


    (Messaggio editato da luigixiv il 30/09/2011 10:54:46)

  • batteraio 11 anni Rispondi

    Concordo, un pò Baustelle un pò Radiohead, niente male...fico

  • cestdisco 11 anni Rispondi

    Ma questi tempo fa non prendevao allegramente per culo RockIt?

  • ariannaeschilo 11 anni Rispondi

    ...mi piacciono questi! Sentito il singolo in radio qualche giorno fa, "baustellosi" ma con grinta, bello ci piace...

IL TUO CARRELLO