Dente Io tra di noi 2011 - Cantautoriale

Primascelta! Io tra di noi precedente precedente

A volte si vede, nei cartoni animati vecchi, tipo "Tom e Jerry". Uno dei due lascia in giro un filo con attaccato un foglietto o qualcosa che faccia da esca. L'altro cerca di prenderlo e viene attirato in trappola. Poi non conta cosa succede, conta solo che, durante il "rimorchio" con il filo, la vittima non si rende più conto di dove si trova, magari cammina anche su qualche cornicione o su una fune sospesa su un burrone. Poi, all'improvviso, arriva la botta, di solito sotto forma di randellata, e di colpo torna la consapevolezza di dove ci si trova. Ecco, con "Io tra di noi" Dente ha fatto la stessa cosa.

L'esca, ovvio, sono le canzoni: lontane anni luce da quelle tenute insieme con "fil di ferro e spago" degli esordi, ma anche dalle citazioni plateali de "L'amore non è bello", che aveva fatto compiere un salto di qualità grazie a degli arrangiamenti più studiati (o semplicemente grazie a degli arrangiamenti). La botta in testa la dà sempre una canzone, "Casa tua": andatura sonnolenta, quasi esasperata nella sua indolenza. Poi dal nulla la svolta ritmica, che in quella quiete suona come un mezzo terremoto, e via verso un finale immediato. Tutto al posto giusto. E ci si risveglia, si entra definitivamente nel disco. È poi anche il pezzo che sintetizza un po' tutto il lavoro. A trasformarlo in un grafico,"Io tra di noi" sarebbe una linea spezzata che sale e scende in continuazione. Non per qualità, ma per intensità: è strutturato come una buona sceneggiatura, in cui i momenti di riposo si alternano a sussulti improvvisi. Così deve essere, per tenere alta l'attenzione. E così è.

Se lo si paragona a "Non c'è due senza te", si fa fatica a pensare che "Io tra di noi" sia opera della stessa persona. Certo, lo stile è quello, pochi dubbi, ma il Dente degli spunti su chitarrina ha lasciato spazio a un autore che conosce il pop come le sue tasche e sa giocare con i vestiti da dare alle proprie canzoni. E poi i testi. Che Dente sappia scrivere grandi canzoni d'amore non è una novità, ma la capacità di mettere insieme strofe e ritornelli è ormai arrivata a un livello assoluto. L'esempio più evidente è "Saldati", non a caso singolo. C'è la calma soffusa da camera da letto, con i "badabum" a punteggiare un'esistenza da domenica mattina. E poi il ritornello che fa allargare le braccia e respirare. Non si prenderà il volo alla Modugno, ma si scopre che il cielo non deve essere per forza dipinto di blu, perché va bene anche se è nuvolo.

Stesso discorso per i giochi di parole, altro marchio di fabbrica. Anche il divertirsi con la fonetica, però, ha raggiunto un livello più alto, che sconfina nell'enigma: "Cuore di pietra" è un rebus minerale senza immagini e "Settimana enigmatica" ha l'aria di un gioco per solutori più che abili, che invita ad ascoltare e riascoltare per cercare di capire di più di quel ritornello.

Per tutto questo e per la capacità di legare ogni elemento nel modo giusto, "Io tra di noi" è uno dei migliori dischi pop fatti in Italia. È compiuto ed è completo. Se dobbiamo far valere ancora il parallelo con De Gregori lanciato nel primo disco, "Io tra di noi" è il "Rimmel" di Dente. Per entrambi terzo album, per entrambi il lavoro che svela definitivamente carte e potenzialità. Che sono variegate, che sono tante. Finché Dente saprà incastrare testi e musiche, come il migliore dei Bartezzaghi incastrava definizioni e caselle nere, saremo fortunati.

---
La recensione Io tra di noi di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2011-10-10 00:00:00

COMMENTI (12)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • utente48158 11 anni Rispondi

    concordo. il nuovo deve saper spiazzare, non creare solo fasulli paragoni con il passato.

  • ilpassato 11 anni Rispondi

    Si, decisamente si, dischetto forse e' la parola giusta, il brutto e' che vogliono spacciarcelo per il capolavoro, quando sappiamo benissimo che di capolavoro non si tratta. De gregori poi.....La cosa piu' triste e' vedere che questa schiera di giovani artisti promettenti, che molto mi facevano sperare in un cambiamento musicale a livello nazionale, si stanno spegnendo come un fuoco di paglia (le luci, il teatro, i ministri, e non ultimo dente)....Dischi buoni, ma buoni non basta, ci si aspettava il capolavoro, ma ritorniamo bruscamente con i piedi per terra....peccato, peccato veramente.:(

  • ugola 11 anni Rispondi

    cominciare a produrre formaggio. su! che è meglio

  • pornovirtude 11 anni Rispondi

    Arricchimenti ce ne sono, certo, ma anche svuotamenti. Nel senso di freschezza e anche a livello di incisività -> a proposito di Dente.
    Non è solo che a Dente piace Anima Latina, -a chi non piace?-, ma per molti brani, e soprattutto in Rette parallele, proprio risuona a piene mani. Poi più che De Gregori, forse Dalla. L'ermetismo di De Gregori era soprattutto a livello di contenuti, mentre Dente gioca molto sulla forma, sulla disposizione.

  • tomhet 11 anni Rispondi

    Devo ammettere che mi ha un po' deluso. La band al seguito toglie quella spontaneità e spensieratezza tipicamente cantautorale per dar spazio ad un'elaborazione musicale più complessa, che a me, almeno in Dente, non piace.

  • utente48158 11 anni Rispondi

    Lasciamo stare il paragone con De Gregori, per favore! Ma dove vivi? Questo è un dischetto, che durerà un anno e poi verrà dimenticato. A livello melodico, al di là degli arrangiamenti che fottono chi di musica non capisce na mazza, erano molto più potenti gli album precedenti, soprattutto Non c'è due senza te. E secondo me lo sa anche Dente.

  • quid 11 anni Rispondi

    "Anice in bocca" l'ho sempre trovato troppo abbozzato rispetto alle capacità enormi già fatte vedere in "Non c'è due senza te". Che non ha assolutamente nulla che non va - anzi, ma come dici tu è qualcosa che poi è stato arricchito. Ascolti quel disco e ascolti "Io tra di noi" e di differenze ce ne sono parecchie, o sbaglio?

    Arrivati a questo punto (e a questa maturità), poi, trovo abbastanza inutile continuare a fare alberi genealogici di riferimenti. O dovremo continuare a ripetere a ogni recensione che a Dente piace "Anima Latina"?

  • pornovirtude 11 anni Rispondi

    non per dire, l'album sarebbe il quarto, escluso l'ep.
    ma si vede che per fare i recensori su rockit queste cose non serve saperle, così come non serve spendere due parole sulla più che animalatineggiante(un dischetto così, senza alcuna valenza, per Dente poi) Rette parallele. E poi cosa avrebbe "Non c'è due senza te" che non va? Non è forse quell'album notevole, notevolmente semplice, che spalanca Dente a ciò che è ancora adesso? Il Dente che da allora s'è soprattutto valso della collaborazione arricchente di musicisti come Gabrielli(già da L'amore non è bello) e di produttori come Tommaso Colliva(adesso), per dire. Personalmente lo ritengo inferiore a L'amore non è bello, ma è comunque un disco che cresce con gli ascolti.

  • fralenuvole 11 anni Rispondi

    non vedo l'ora di averlo tra le mie mani.

  • utente46714 11 anni Rispondi

    ottima rece!

IL TUO CARRELLO