18/06/2012

Quasi s’attraversassero velocemente millenni di storia, “Dark Leopards of the Moon” sembra viaggiare come la luce da tempi remoti fino a sogni intergalattici, dal contatto puro con la terra al sibilare di navicelle spaziali, in un crescendo psichedelico di essenziale matrice julie’s. Perché, occorre dirlo, la band resta capace, disco dopo disco, di affrontare vari percorsi rimanendo sempre riconoscibile, anche quando abbraccia chitarre acustiche in una sorta di ballata malinconica di immediata presa (“Johannes”), quando riduce lo schema sonoro all’osso ricamandolo di sottigliezze oscure (“Bonfire”): ogni traccia è un racconto che fa sapientemente breccia nei cuori, dritto e sicuro di far centro, compiuto come deve essere. La natura selvaggia, nascosta e ferita da progressi tecnologici, da cose buone come pure dalla miopia di chi corre senza mai guardare indietro, resta immutata in noi che siamo uomini piccoli, forti nella necessità, preda di agenti atmosferici e in fondo figli delle stelle. “The Marriage of the Sun and the Moon” chiude questo ep con una leggerezza progressive soffiata tra gli astri, che continuano a guardarci nonostante tutto, e a brillare ispirando canzoni. Prodotto dalla Trovarobato in collaborazione con Woodworm, “The Wildlife Variations” è un concentrato di sensazioni che davvero riportano in superficie il contatto col terreno, la presenza di animali celati in angoli bui, gli alberi che si ramificano senza incontrare ostacoli: lavoro bello e convincente, ennesima conferma per i Julie’s Haircut.

---
La recensione Julie's Haircut - Recensione - The Wildlife Variations EP di margherita g. di fiore è apparsa su Rockit.it il 16/07/2019

Commenti (1)

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati