Dilatazione Fotogrammi 2002 - Post-Rock

precedente precedente

Più di 40 minuti, tutti d’un fiato! Quasi un concept, una sequenza di fotogrammi che trasporta in quel preciso luogo all’antitesi della precisione.

Un disco che musica una condizione limbica: in autunno, tra estate e inverno, caldo e freddo, tra la stasi e la partenza, in una sala d’attesa col rumore dei jet supersonici che sfrecciano sulla testa. Ambientato in quel momento tra gioia estrema e nèmesi, allegria e tristezza, feedback e dissonanze, ma anche rilassate ambientazioni armoniche ricamate dall’intreccio tra chitarra e basso. Fluidità o stacchi improvvisi, rumore bianco e silenzi, ecco “Fotogrammi” nel centro esatto di tutto questo.

Bravi i Dilatazione: già con alcuni lavori all’attivo fanno il passo giusto, complice una presa di suono pulita e accorta (ascoltare l’hit-hat per esempio), verso la decostruzione del rock e della forma canzone. Percorrono, perché no, la strada di Ulan Bator e Massimo Volume, tenendo conto che tutto era cominciato pressappoco 13 anni prima a Chicago con certi Slint.

Scendendo nei particolari i momenti migliori li troviamo in “18.30: un addio” (tensioni lasciate fermentare e poi riprese), in “Sottopassaggio” (uno strumentale dalle parti di Yuppie Flu che farebbe gola a etichette tipo Gammapop o Homesleep) e nella bellissima sequenza “Sala d’attesa” / “À boute de souffle”, dove il rumore viene portato allo spasmo per poi stemperarsi in un commento sonoro ad un logotipo di “discorso uomo-donna”.

Le parti cantate, quando ci sono, non sempre convincono come in “Fotogramma” dove valida è la metrica e originale il controcanto quasi atonale, in alcuni casi mancano di convinzione e insieme alla durata eccessiva di qualche brano rischiano di far risultare un po’ tedioso l’intero ascolto. Discorso a parte per la traccia 8 dove l’ospite Matteo Euphordelia alla voce ipotizza un Giovanni Lindo Ferretti con + hard-core e meno punk nel dna.

Conclusioni: immagino difficile una heavy-rotation su tutte le radio nazionali, quindi vi consiglio di richiederlo direttamente a loro il vostro… “disco per l’autunno”.

---
La recensione Fotogrammi di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2002-08-25 00:00:00

COMMENTI

Aggiungi un commento avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia