deNITTIS Zebra 2013 - Elettronica

Zebra precedente precedente

Quello di “Zebra” è un cibernetico cantautorato che si nutre di psycho-elettronica e glitch, sospeso tra futuristico disagio e cosmica inquietudine

Music is math” sentenziavano poco tempo fa i bravi Boards Of Canada (magari ascoltatevela lontano da tutto e da tutti, se avete tempo e voglia). Il bravo Andrea De Nittis, già cofondatore dei Ratafiamm, sembra averli presi in parola nella stesura della sua seconda prova solista dopo l’ottimo “Workout Of The Day”, peraltro ben recensito su queste stesse pagine tempo addietro.

Il suo “Zebra” merita infatti più di un inchino per la rara capacità di assemblaggio geometrico di umorali visioni elettroniche che, partendo da una parziale rottura degli schemi elettro-cantautoriali tanto cari al buon Luca Urbani, si avventurano dentro ben più impegnativi deserti cosmici di scuola tedesca e nebulose psichedeliche per nulla lontane dalle schizofrenie atonali del glitch di Apparat e Matmos.

Egregiamente ripiegato dentro convulsioni sintetiche e pulsazioni robotiche il suo è un cibernetico cantautorato dal sangue ghiacciato, una cronaca transistorizzata della nostra contemporaneità ispirata dalla brezza siderale di una schiacciante solitudine.

E se quella molecola di romanticismo che rimane viva tra le lamiere si aggrappa ai riverberi di piano di “Sottomarini” tutto il resto trasuda futuristico disagio e cosmica inquietudine (già, il Leopardi) come stanno a testimoniare i cortocircuiti elettronici de “Lo straniero”, le fluttuazioni amniotiche di “Primo ricordo”, i deliranti campionamenti de “L’utente” – che il Charlie Chaplin di “Tempi Moderni” avrebbe sicuramente gradito – e la cangiante cartolina lunare di “Terzo paesaggio” composta dai Santo Barbaro, con i quali le affinità elettive del Nostro sono a dir poco disarmanti.

---
La recensione Zebra di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2014-02-28 00:00:00

COMMENTI (3)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • andrea 6 anni Rispondi

    Immagino si riferisse alla frase "sii gentile" presente nell'area per aggiungere i commenti.
    Ne approfitto per salutare il mio recensore : )

  • antobel 6 anni Rispondi

    ???

  • oneloveoh 6 anni Rispondi

    non posso essere gentile se devo essere sincero