Sepiatone Echoes on 2013 - Cantautoriale, Rock, Psichedelia

Echoes on precedente precedente

Il ritrovato idillio tra due personalità dal talento musicale superiore alla media

Otto anni dopo il secondo album, “Dark Summer”, Marta Collica e Hugo Race tornano con il progetto Sepiatone e tirano fuori un disco che brilla come uno sguardo spalancato di fronte a una bella sorpresa. “Echoes On” - quattro anni di lavorazione tra l'Italia e l'Australia - è il ritrovato idillio tra due personalità dal talento musicale superiore alla media.

C’è lei, Marta, con quella voce che è seta dalle tonalità tiepide e invitanti. E c’è lui, Hugo, il cui mormorio è fuoco lento e costante. Insieme non bruciano: risplendono. “Conflicted” è una stupenda ballata a metà tra Cat Power e Mazzy Star, con un loop di violini e un mare di riverberi da perdersi dentro mille volte. Il gioco dei contrasti tra i due protagonisti si concretizza in “Shallow Tears”, dove entrambi riescono a mettere in scena concezioni differenti ma complementari di folk. “Mare Grosso” è l’assolo della Collica, un blues emozionante che sembra seguire certi standard tipicamente siciliani - sussurri che sprigionano interi universi, chitarre che cercano gli accordi più neri.

È bello sapere che i Sepiatone sono di nuovo in giro. “Echoes On” è un album che funziona perché consente a Collica e a Race di trovare una sintesi tra i rispettivi modi di intendere la musica. Pare che sia il capitolo finale di una trilogia iniziata nel 2001. Se dovesse essere davvero così, non poteva esserci chiusura migliore.

---
La recensione Echoes on di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2013-12-11 00:00:00

COMMENTI

Aggiungi un commento avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia