Leggi la recensione

Descrizione a cura della band

Una rentrée quasi insperata, e pertanto graditissima. A ben otto anni di distanza da "Dark
Summer" (2005, Desvelos), i Sepiatone di Marta Collica (taastierista e vocalist della
John Parish Band, fondatrice del collettivo internazionale Songs With Other
Strangers) e Hugo Race (membro dei primi Bad Seeds, fondatore di True Spirit e
Dirtmusic, già apparso su Interbang in compagnia dei Fatalists) tornano con "Echoes
On" a cesellare atmosfere languorose e a librarsi con levità tra pop d'autore e
soundscapes cinematici.
Giunta alla terza prova in studio, l'arte dei Sepiatone si conferma prismatica e
inafferrabile. Songwriting assorto e contemplativo, fragili e diafane trame strumentali,
sprazzi di elettronica vintage, fioriture classicheggianti, turgidi esotismi: "Echoes on" è un
forziere che custodisce un'ampia, multitonale varietà di stili, approcci e suggestioni.
Conflicted, con la sirena Collica che sussura tra il frinire di un vecchio vinile e riverberi
morriconiani, e Double Life, con un ritmo programmato che scandisce il tiepido crooning
di Race, lambiscono territori trip-hop, mentre Shallow Tears e Mare Grosso, sensuali e
decadenti, si tingono di romanticismo noir. A un episodio old-fashioned come Young Desire,
struggente duetto arrangiato alla maniera lussureggiante di Burt Bacharach, fa da
contrappunto quello avanguardista di Cold and Blue, un recital infestato dagli spettri. Le
voci dei protagonisti lasciano poi la ribalta negli strumentali Air Berlin, nordico interludio
pianistico con pennellate di archi e synth, e La Fuga, sorprendente e palpitante jam
animata da sinuosità samba e schegge jazz.
Registrato nell'arco lungo di quattro anni tra Brescia, Catania e Melbourne - con il
sapiente supporto di Marco Franzoni, Giovanni Ferrario, Davide Mahony e
Giorgia Poli - e concepito in parte a Berlino (città d'adozione della catanese Collica),
"Echoes On" riflette il mood inquieto di artisti perennemente in viaggio: la nostalgia e il
rimpianto che seguono l'esperienza del distacco e l'ebbrezza scaturita dall'incontro con il
nuovo sono i sentimenti dissonanti che ne plasmano i cangianti paesaggi interiori.

Credits

Sepiatone - Echoes On

Prodotto da Hugo Race e Sepiatone
Registrato al Bluefemme Stereorec a Montirone (BS, It) da Marco Franzonie al Bipolar a Montichiari (BS, It) da Gabriele Ponticiello


Registrazioni aggiuntive effettuate da Hugo Race al Helixed (Melbourne, Aus) e da Salvo Dub e Carlo Longo al Nuevarte studio (Catania)
Masterizzato da Giovanni Versari alla Maésta

© Interbang Records
dato in licenza da Rough Velvet Records
Cover Painting by Giuliano Sale, Lay out Elisa Calvano
e XXY Studio

Tutte le canzoni del disco sono state scritte da Marta Collica e Hugo Race

Marta Collica: voce, chitarra, piano e tastiere, batteria in Air Berlin
Hugo Race: voce, piano, hammond, orchestrazione, chitarra elettrica e acustica, basso e electronics
Giovanni Ferrario: chitarre elettriche, basso, piano
Davide Mahony: batteria, tastiere, chitarre / basso e drum programming in Double Life
Giorgia Poli: basso e contrabbasso, backing vocals

con la partecipazione di:

Julitha Ryan: Violoncello (Air Berlin)
Riccardo Gerbino: percussion (City Lights)
Giovanni Arena : contrabbasso, bow (City Lights)
Tazio Iacobacci: guitar (City Lights)
Gabriele Ponticiello: drums (Never Been Away)

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati