Before Bacon Burns BAN 2013 - Rock, Indie, Alternativo

BAN precedente precedente

Un fotografia nitida di tutto quello che potrebbero riuscire a fare in futuro.

Se l'abitudine induce ad aspettarsi da un EP d'esordio sfocate sensazioni più che ponderati pensieri, con "BAN" abbiamo un nitido fotogramma della fase embrionale dei Before Bacon Burns, gruppo capace di riservarci, in un futuro relativamente prossimo, interessanti sorprese. Una coscienza musicale che dimostra di voler venire a galla per provare a raccontarci qualcosa di concreto. Tuttavia in questo breve esordio si riscontrano non poche sviste che hanno un loro peso sul giudizio globale del prodotto: imprecisioni della voce unite a qualche sbavatura della batteria nelle rullate e nei deboli stacchi con i crash rallentano la vivacità dell'EP. Accade che, talvolta, gli strumenti non siano ben rilegati fra loro. Ciò nonostante i lati positivi sono presenti e si lasciano percepire facilmente: "BAN" è una pietra grezza che ha bisogno di tempo e dedizione per mettere in luce il talento della band. La capacità di creare atmosfere e spunti interessanti è intuibile sin dall'inizio e questo è un buon segno. Tutte le quattro tracce hanno qualcosa da dire, in "Hard Nights" è bello lasciarsi cullare dagli ipnotici e rituali meandri delle strofe: Eleonora sembra essere qui per sussurrarci un segreto. Il punk rock più acerbo e adolescenziale è il grassetto che tonifica una grafia indie rock talvolta contaminata da sonorità grunge, il tutto coronato da un'ammaliante voce femminile che sa calcare il segno al momento giusto nonostante qualche pecca in termini di pronuncia inglese.

C'è la volontà di esprimersi anche se, per il momento, il metodo non è ancora all'altezza del potenziale.

---
La recensione BAN di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2014-01-22 00:00:00

COMMENTI (1)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • BeforeBaconBurns 7 anni Rispondi

    Grazie mille al buon Federico per le sue impressioni, le sue azzeccatissime critiche costruttive e per la fiducia che sembra accordarci, per ora!
    Abbiamo di che lavorare!