Entropia La direzione 2013 - Rock, Indie, Pop rock

La direzione precedente precedente

Volete ascoltare rock senza scossoni e di buona fattura? Accomodatevi, gli Entropia hanno fatto il disco che che fa per voi.

C’è chi cerca la sicurezza e chi vuole essere spiazzato, chi vuole inserirsi in un genere e chi vuole rivoltarlo completamente. Non c’è nulla di giusto o sbagliato, solo due tipi di attitudine. In questa divisione secca, gli Entropia si piazzano saldamente nella prima opzione. Il loro è un rock di sana e robusta costituzione, che evita di andare in territori inesplorati nel timore di prendersi un raffreddore. Ascoltando le canzoni del secondo album della band piemontese sembra di essere all’interno di un mondo di finzione, in cui il rock deve essere preciso e pulito. La finzione potrebbe essere quella di una qualsiasi serie tv adolescenziale, in cui all’improvviso appaia su un palco una band, innocua e accattivante come da copione.

Ecco, gli Entropia sono perfetti per quel ruolo, con le loro chitarre importanti, ma mai sguaiate; il cantato teso, ma mai aggressivo e uno stile che li fa discendere da Muse e Negramaro. Soprattutto nella prima parte, con pezzi come “La direzione” e “Credici”, la band dimostra di saper scrivere pezzi che girano senza nessun intoppo e hanno anche buone possibilità di restare appiccicate tra orecchie e cervello. Certo, si ritorna sempre alla dicotomia iniziale: volete ascoltare rock senza scossoni e di buona fattura? Accomodatevi, gli Entropia hanno fatto il disco che che fa per voi.

---
La recensione La direzione di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2014-04-21 00:00:00

COMMENTI

Aggiungi un commento avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia