06/05/2014

Giovane band, se vuoi essere un'artista Garrincha, ricordati di darti un nome del cavolo. No scusate, perché va bene che è tutto soggettivo, ma che nome è La rappresentante di lista? Quasi peggio dell'officina della camomilla. Comunque. A parte la ragione sociale, la proposta del duo tosco-siciliano è abbastanza lontano dal classico stile garrincha: nessuna citazione hipsterica, niente voce diversamente intonata, pochi o nulli ammiccamenti ai “ragazzi di oggi”.
Il target è più alto, sia in termini anagrafici che di riferimenti musicali, la voce di Veronica Lucchesi è molto intonata, e i testi non citano scrittori indiefamosi e fatti di attualità, ma raccontano storie quotidiane con originale sguardo femminile e spirito sardonico. Storie bizzarre interpretate con un'espressività di stampo teatrale (non a caso, visto che sia Veronica che Dario Mangiaracina sono anche attori) su una musica dai colori cantautorali e nomadi, raffinata e popolare, un po' cabaret un po' arte di strada, un po' salotto un po' festa di piazza.
Alla fine sono bravi, proveremo a sorvolare sul nome.

---
La recensione la Rappresentante di Lista - Recensione - (per la) via di casa di Letizia Bognanni è apparsa su Rockit.it il 22/07/2019

Commenti (1)

  • DistortedGhost 06/05/2014 ore 20:30 @DistortedGhost

    chi e' la figlia della Consoli ? o la sorella di Arisa ?..... BLOOOOOOOB !!!

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati