Shiva Bakta Third 2014 - Rock, Psichedelia, Folk

Disco in evidenza Third precedente precedente

Shiva Bakta ha il dono del pop

Rockit conosce bene le vicende artistiche di Lidio Chericoni, alias Shiva Bakta. Si era presentato timidamente con un demo ultra lo-fi, di quelli che di solito nascono e muoiono nei pochi metri quadrati in cui sono stati registrati. ”I pezzi di Lidio sono stupendi. Comincio ad ascoltarli 2,3,4,5 volte al giorno, li faccio sentire a chiunque mi capiti sotto tiro e piacciono a tutti”, scriveva nel 2008 il nostro Nicola Bonardi, uno del quale ti puoi fidare perché sa sempre quello che dice. E aveva ragione. Perché Lidio ha il dono del pop. Cioè l’arte di raccontarti qualcosa di nuovo che capisci subito che è tuo e di nessun altro. Chi ha visto Chericoni al MI AMI 2010 potrà confermare.

“Third” è il primo disco ufficiale di Shiva Bakta, anche se in realtà è il secondo (nonostante lui sostenga che sia il terzo). È la consacrazione di un ex talento grezzo diventato artista ispirato e definito. È un songwriter di qualità che a questo giro si prende il lusso di dire le sue robe nel modo più alto, ampio ed esagerato possibile. È il caso, per esempio, di “Baktism”, canzone divina che Shiva Bakta separa in due atti. Ci senti i Grandaddy, i Flaming Lips, tutto l’indie rock americano che conta. E i Beatles. “Baktism 1” è praticamente un unico ritornello costruito in maniera eccellente, finito il quale il brano si trasforma in “Baktism 2”, una coda di soli strumenti e parecchia psichedelia. Che classe. “You Should Be Happy” è un gradevole pezzo pop in cui riverberi e rumorismi sottili non riescono a soffocare più di tanto le voci orecchiabili e un po’ ruffiane. “Goodbye” è una ballata che chiude le storie di “Third” con un ritmo a singhiozzo e melodie fatte apposta per scandire i silenzi della notte.

Nella sua prima prova da grande, Shiva Bakta porta a casa il risultato concedendosi finezze da musicista consumato. C’è voluto tanto per vederlo al massimo delle sue potenzialità ma ne è valsa la pena.

---
La recensione Third di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2014-03-26 00:00:00

COMMENTI (2)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
IL TUO CARRELLO