album s/t - File

File s/t

Silvertone
2003 - Rock, Grunge, Alternativo

File
Foto
0
Video
0
Concerti
0
06/05/2003

Poco meno di un anno fa recensivamo proprio su queste pagine "Credo nei miracoli", ep d'esordio del terzetto guidato da Luca Milani che ci aveva ben impressionato. Tocca adesso, secondo logica, mantenere le aspettative generate al tempo delle prime 4 canzoni (la 5° in scaletta altro non era che una 'robusta' cover di "I believe in miracles" dei Ramones); sicché, il primo lavoro sulla lunga distanza dice di una formazione che non fa del rock un semplice pretesto ma la propria ragione d'esistere. A riprova di ciò vi basti l'uno-due di "5 secondi" e "Sparerò" (ovvero come mandare a memoria la lezione dei Queens Of The Stone Age), brani magari fin troppo semplici e lineari nella loro struttura, ma sicuramente 'irruenti' per quanto riguarda la dimensione sonora. A tratti sembra di ricordare le progressioni ritmiche tipiche dello stoner, seppure i Nostri alla fine optino per chitarre appena meno ruvide e un approccio più in generale 'rock'. Merito di una produzione artistica - decisamente superlativa! - a cura di Marco Trentacoste, ancora una volta decisivo nel conferire a lavori di questo genere (vedi Deasonika) le giuste dinamiche per risultare convincenti.

È perciò tutto il disco ad essere degno di nota, anche se i due episodi registrati all'epoca dell'ep ("Non sarà" e "Navigatore unto") non suonano come il resto; gli altri 10 episodi, invece, hanno dalla loro un'invidiabile omogeneità di fondo, sia che si tratti di ballate ("Profumo sporco", "Sbiadita") che di rasoiate elettriche ("Ombra", "Marcio", "Inspira"). Magari la scrittura non è ancora al livello di quei nomi (tanto italiani quanto stranieri) che inevitabilmente costituiscono delle influenze per i tre, ma la partenza è sicuramente quella giusta.

In definitva un disco di sano rock'n'roll a cui non dovrebbe pesare né l'etichetta 'mainstream', né quella 'indie'; dipende, come sempre, dai punti di vista, anche se alla fine dovrebbero essere solo le orecchie a giudicare.

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati