En?gma Foga 2014 - Rap, Hip-Hop

Disco in evidenzaFoga precedente precedente

Ennesima conferma che la Machete produce figate

Partiamo da cose semplici, dalla primissima impressione, dal vestito dell'album, dalle cose che si possono constatare ad un primo ascolto, ovvero: la Machete e i suoi frutti sono una figata. Questo album di En?gma, socio fondatore della crew sarda, è una figata. Stile, flow, tematiche, citazioni e riferimenti sono una figata (e 3), poco da dire su questo. Così si crea un Empire. Però questo vestito luccicante, rischia addirittura di abbagliarti. Le liriche infatti sono quanto precise e curate nella forma quanto istintive e immediate nei contenuti. Mi ricordo di gente che diceva "lo stile è tutto", ma ho sempre creduto fossero degli imbecilli.

Del 25enne rapper di Olbia, che imbecille non lo è per niente, anzi, però mi aspettavo qualcosina in più, un mezzo gradino in più. Nulla di eclatante, la strada è quella giusta e secondo me quest'album già così vale molto di più del 90% delle produzioni rap italiane al momento, ma si sente che può dare ancora di più. Ed è comunque un complimento, sia chiaro. A paragornalo poi all'ep che lo precede "Rebus" del 2013 è un passo di lato, un po' inclassificabile, anche in parte per la durata (ovviamente), e sopratutto alla diversità e peculiarità di ogni traccia, che appunto, su 13, ha un effetto leggermente destabilizzante.

I beat e le produzioni musicali, vedi Bassi Maestro in "Rabbia random" o l'intro e titletrack "Foga" con Vox P, spaccano, e c'è poco da dire. Groove così cadono a cascata e ti trascinano con la forza di un torrente in piena. Mentre in "Radio Riot" c'è il pericolo dell'atmosfera latineggiante che forse è un po' fuori dai giochi di questi tempi. Per quanto riguarda i featuring invece, c'è l'imbarazzo della scelta. Dai compagni di crew Nitro e Raton, in "Jumperz" (pezzone pezzone), a quelli comunque riusciti con gente fuori dall'hip hop, e cito la chiusura "John Nash" con Manuela Manca, appunto, e la sua voce azzeccata come il cacio sui maccheroni.

Prime impressioni a parte, insomma, nel complesso è un gran bel disco, l'unica critica movibile appunto è quella costruttiva che le potenzialità sono talmente evidenti che ci si può spingere ancora oltre. Ma giusto a voler fare i precisini, perchè qualcosa devo pur scriverla no?

---
La recensione Foga di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2014-09-12 00:00:00

COMMENTI

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia