30/10/2014

Disco di rock strumentale che ispira nelle intenzioni un viaggio interstellare: brani molto lunghi, variazioni repentine, accorgimenti elettronici. Il problema dov’è? Nei chitarroni, inevitabili, onnipresenti, anche quando il pezzo parte benissimo e ti sta prendendo col suo fare intimista, arriva il prog metal ad appiattire e invecchiare la sostanza. Ogni traccia porta con sé un ingombrante carico di soluzioni ricercate ma non vincenti, nulla di emozionale, fresco, intrigante, e una sorta di riproposizione di cose già sentite anni luce fa (per rimanere in tema spaziale).

Non riesco a trovare niente di originale in “Reversion”, né un appiglio memorabile, ma soltanto minuti su minuti di virtuosismi affatto eclettici, cavalcate rombanti adatte agli appassionati del genere, e una costante sperimentazione dal gusto anacronistico.

---
La recensione A Nice Play to Stay - Recensione - Reversion di margherita g. di fiore è apparsa su Rockit.it il 22/07/2019

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati