Alessandro Ragazzo Venice 2014 - Pop, Alternativo, Electro

Disco in evidenzaVenice precedente precedente

Un affascinante viaggio fra le ombre di Venezia

Se cerchi su Google “Alessandro Ragazzo Venice” ti imbatterai in un progetto fotografico, di un altro Alessandro, intitolato Dark Venice, e sarà un cortocircuito molto interessante quello che si innescherà se deciderai di ascoltare l'ep e insieme guardare le foto di una Venezia scura e popolata di ombre. Sono immagini che sembrano fatte apposta per illustrare questo “viaggio mentale ambientato a Venezia”, come lo definisce Ragazzo, raccontato in tre capitoli, con tre diverse voci, e la sua chitarra a descrivere calli e ponti e portici e canali e uomini e donne che s'incontrano, si lasciano, si sfiorano, nascosti nella notte o nei percorsi della mente.

Un viaggio in cui “nulla è vero”, dice ancora l'autore. Nulla tranne tre verissime canzoni romantiche (siamo pur sempre a Venezia) e suggestive, fra new acoustic, Radiohead e Sigur Rós, tre fotografie dai ricchi chiaroscuri che svelano un'anima complessa e ti lasciano con la voglia di sfogliare un intero album e ascoltare una storia più lunga.

---
La recensione Venice di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2014-08-15 00:00:00

COMMENTI

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia