16/09/2014

Antonella Spera ha una di quelle voci che ti entrano dentro al primo ascolto. Potente ma delicata, acuta ma al tempo stesso dolce. Già dopo le prime note, la sua vocalità ricorda la Lene Marlin di fine anni '90 che debuttò con "Playing my game" e la Leann Rimes di "Cant’t fight the moonlight" (colonna sonora del film "Le ragazze del coyote ugly)". L’ep è composto da quattro brani che seguono lo stesso filo conduttore e non si distaccano eccessivamente l’uno dall’altro. "Dream" è senza dubbio il brano più forte tra tutti: orecchiabile e piacevole, il suo ritornello resta in testa senza troppe difficoltà quasi da subito. I due brani successivi, in particolar modo "Grace of Stars", hanno una forza commerciale contenuta, con un motivo meno originale e più lento. Un velo di timidezza sembra ricoprire questi due brani che non sono all'altezza del singolo d’esordio di "Light on me". La quarta e ultima canzone "The end" permette alla cantante di dare piena manifestazione alla sua incantevole voce. Si tratta di una ballata pop che alza il livello dei due brani precedenti ma ancora non riesce a stare al passo con il singolo "Dream". "Light on me" è un esordio pop abbastanza buono per Antonella Spera ma forse non ne esalta del tutto le potenzialità, sia nei testi che negli arrangiamenti. Sicuramente è un valido trampolino di lancio per un percorso musicale in salita: le basi per intraprenderlo ci sono tutte.

Tracklist

Commenti (9)

Carica commenti più vecchi
  • Alessandro Facchini AlexCialdo 20/09/2014 ore 14:18 @alessandro.facchini.18

    Questa voce la sentiremo ancora molto bella e particolare complimenti sia per la musica e per l'arragiamento

  • Davide Pasturi 21/09/2014 ore 09:37 @davide.pasturi

    Grazie mille ad Annamaria Norvetto e Rockit per la recensione...e grazie anche ai vostri commenti....siete fantastici!!:-))

  • Davide Pasturi 21/09/2014 ore 23:47 @davide.pasturi

    Da musicista professionista posso dire che i brani sono stati costruiti molto bene, ottimo sviluppo delle linee vocali, l'inglese è molto buono cosa molto importante per una cantante che non è di madrelingua, ben lontana da certe banalità che si sentono nel mainstream attuale.

  • Stefano Gazzotti 21/09/2014 ore 23:56 @stefano.gazzotti

    Ho acquistato l'ep, e mi è piaciuto molto, le canzoni sono belle, evocative, e cantate alla grande... Gran musica direi...

  • Martina Dallagiacoma 23/09/2014 ore 17:37 @martina.dallagiacoma

    FANTASTICOOOOOOOOOOOOOOOOO! !!!!!!!!!!!

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati