< PRECEDENTE <
album FAME - Nadàr SoloIn evidenza

recensione Nadàr Solo FAME

Massive Arts Studios 2014 - Cantautore, Rock, Pop

RECENSIONE
19/11/2014

“Fame” è un disco facilissimo. Nel senso che si fa capire subito. È dritto come l’Autosole, accompagna senza spingere, non percorre strade strane e velleitarie. Inizia - bene - come finisce e non regala brutte sorprese. Verdena più Dimartino uguale Nadàr Solo: bingo. Il terzetto cerca la semplicità e trova la fame giusta per dimostrare di essere un gruppo che può scrivere un percorso importante. La potenza controllata dei Nadàr Solo è una concezione cruda e valvolare di pop, costruita attraverso chitarre toste, batterie pestate e una voce che fa la differenza.

“Piano piano piano” è un piccolo capolavoro. Suona come se i Motorpsycho fossero italiani e avessero un cantante dall’estensione vocale indefinita. C’è quel ritornello splendido che si innalza a diverse ottave da terra, da ascoltare col volume al massimo per non pensare a niente - o per pensare a tutto. Dice benissimo tutto quello che c’è da dire (”Da solo non puoi vincere il timore dell’inverno”) e spacca l’aria intorno. “Ricca provincia” è una ballata grunge che gestisce con gusto l’alternanza piano-forte, dando sostanza ai pensieri della protagonista alle prese con la bulimia. La ricerca letteraria in questo pezzo - come nel resto del disco - è interessante e il tema centrale è trattato con delicatezza e poesia. Peccato per il contesto, la solita storia della provincia piena di merda e di arricchiti (”Ignoranza, tanti soldi e un po’ di religione”): messa così è una descrizione comoda, manichea e un po’ spocchiosa che rischia di trasformarsi in un populismo uguale e contrario a quello che si vuole - peraltro legittimamente - denunciare. In “La vita funziona da sé” i Nadàr Solo sono al loro apice: una costruzione perfetta dell’arrangiamento, un lavoro vocale bello e un impatto che dal vivo promette parecchi decibel sul palco.

Diversamente da “Diversamente, come?”, in “Fame” i Nadàr Solo ritrovano la foga dei giorni migliori e si riconfermano band dalle idee a fuoco. I suoni sono ottimi e i pezzi raggiungono la loro dimensione ideale sin dal primo ascolto. Bene così, allora.

Tracklist

Ascolta su: Apple Music Amazon Music Tidal
00:00
 
00:00
Commenti (3)
Carica commenti più vecchi
  • alfio granatieri 19/11/2014 ore 14:28

    Bello il disco !

    > rispondi a @alfio
  • Maurizio Cacia 19/11/2014 ore 19:15

    Bello...

    > rispondi a @mauriziocacia
  • Flavio Bosso 24/11/2014 ore 11:20

    Discone. Bravi.
    Preferite finora: 'Shhh'; 'Ricca Provincia' e 'Akai'.

    > rispondi a @flavio.bosso.7
Aggiungi un commento:

ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
Chi ha letto questa recensione ha visto anche:
> PROSSIMA >
Pannello

TOP IT

La top it è la classifica che mostra le band più seguite negli ultimi 30 giorni su Rockit.

vedi tutti

ULTIMI ALBUM

Gli ultimi album con ascolti caricati dagli utenti.

vedi tutti
Cerca tra gli articoli di Rockit, gli utenti, le schede band, le location e gli operatori musicali italiani