< PRECEDENTE <
album Un’estate al freddo - Minnie's

recensione Minnie's Un’estate al freddo

Heartfelt / Venus Dischi 2003 - Punk, Indie, Hardcore

RECENSIONE
22/10/2003

Shelter, Strung Out, Piebald sono alcuni dei gruppi con i quali i Minnie’s hanno condiviso il palco negli anni, e danno un’ idea delle coordinate su cui si muove il punk melodico di “Un estate al freddo”. Testi prevalentemente non impegnati, tono emo, coretti a doppia voce sfasata, equilibrio tra momenti ritmati e fasi più melodiche, ma non per questo meno cariche, canzoni semplici ma dal sound graffiante. La voce del cantante è adatta, cosa che non sempre accade in questo genere, e anche il resto della band riesce a costruire solide basi su cui edificare. Insomma il tutto è realizzato proprio per bene, un ottimo livello medio si evidenzia in ognuno dei 28’ del disco; a convincere, soprattutto brani quali la bella opener “We don’t want you to dance” o la compatta e tirata “Si”. Persino il design della confezione è di gusto, cosa ancor più rara nel genere.

Se vi piace il punk melodico, se nomi come Senzabenza o Samiam rientrano nei vostri ascolti, se girate con MXPX scritto sul bordo della suola delle scarpe, allora potreste anche rivolgere un po’ della vostra attenzione anche ai Minnie’s, magari durante qualche concerto, e poi chissà…

Tracklist

Ascolta su: Amazon Music Tidal
00:00
 
00:00
Commenti
    Aggiungi un commento:

    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
    Chi ha letto questa recensione ha visto anche:
    > PROSSIMA >
    Pannello

    TOP IT

    La top it è la classifica che mostra le band più seguite negli ultimi 30 giorni su Rockit.

    vedi tutti

    ULTIMI ALBUM

    Gli ultimi album con ascolti caricati dagli utenti.

    vedi tutti