< PRECEDENTE <
album Canzoni sbagliate - I Nemici

recensione I Nemici Canzoni sbagliate

2014 - Lo-Fi, Pop, Acustico

RECENSIONE
26/03/2015

Il debutto della band torinese I Nemici ha il sapore delle feste di paese, scanzonato e leggero. L'album "Canzoni sbagliate", formato da 15 tracce, è una raccolta di ballate folk alla vecchia maniera, ovvero veramente folk, quello da balera con la fisarmonica e ritmi che fanno ondeggiare la testa fischiettando. Le canzoni, scritte in italiano e cantate con quella tenerissima erre arrotondata tipica del Piemonte, parlano di quotidianità e sfighe universali, tragicomiche e popolari, che avvicinano ancora di più il loro sound all'atmosfera della Sagra del Baccello. Ma la goliardia che ne deriva costituisce un punto a favore per I Nemici, poiché si dimostrano pienamente coscienti della propria essenza e la valorizzano a loro modo. Il paragone con la Lambada non sarà, quindi, un insulto. Il disco scorre bene all'ascolto, nonostante l'ampio numero di pezzi, e alterna i brani giocosi che si ballicchiano da ubriachi come "Lo scrittore" a strutture sonore più vicine al liscio o al tango, come in "Tango della madonna". La sperimentazione o la ricerca sonora non sono certo la prima preoccupazione de I Nemici, concentrati soprattutto sui contenuti, mantenuti comunque sulla linea della semplicità pop. Un po' più di complessità e di originalità, nella musica o nei testi, darebbero maggiore equilibrio a un lavoro godibile ma non certamente memorabile.

Tracklist

Ascolta su: Apple Music Amazon Music Tidal
00:00
 
00:00
Commenti
    Aggiungi un commento:

    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
    Chi ha letto questa recensione ha visto anche:
    > PROSSIMA >
    Pannello

    TOP IT

    La top it è la classifica che mostra le band più seguite negli ultimi 30 giorni su Rockit.

    vedi tutti

    ULTIMI ALBUM

    Gli ultimi album con ascolti caricati dagli utenti.

    vedi tutti
    Cerca tra gli articoli di Rockit, gli utenti, le schede band, le location e gli operatori musicali italiani