28/08/2015

Con un ep che profuma tanto di psichedelia quanto di brit pop e una recente scampagnata al Cavern Club di Liverpool (dobbiamo davvero stare a puntualizzare cosa sia e cosa rappresenti questo luogo, per la musica?) The Backlash escono allo scoperto stipando i propri sogni, speranze e dichiarazione di intenti in queste sei tracce che contengono rifrazioni 60’s quanto inquietudini 90’s.

E se tutto ciò, a detta dei diretti interessati, è motivo di orgoglio e narra di uno spiccato senso di appartenenza musicale, questo lavoro mira anche a essere un superamento di tutto questo, a cominciare dal titolo scelto: la creazione di un’ideale terza generazione (dopo quella dei ’60 e ‘90), appunto. “3rd Generation” si apre con “Great Big Chance”; bel Farfisa in stile Died Pretty ben in evidenza e impianto teenybopper pop, si continua con “Run”, altro brano ad alto penziale di testosterone, chitarre in primo piano e timbrica decisa.

Gli Hurricane #1 di Andy Bell sono molto più che una presenza diafana in “New Course”, ma tutto ciò testimonia di una lezione ben assimilata e mai mandata a memoria (al contrario di altri brit poppers italioti che sembrano muoversi in maniera didascalica e abboracciata, tra queste sonorità). I toni si smorzano con “SFC”, ballad tra Stereophonics e Spearmint, chiude il singolo estratto al primo giro, “Spin ‘Round”, egregio mid tempo contenente un ritornello killer che potrebbe risuonare pericolosamente tra le pareti cerebrali per giorni. Beh, che dire! Se questo è il buongiorno e il mattino è così radioso, non possiamo che prospettare una giornata fantastica per i milanesi The Backlash.

Tracklist

00:00
 
00:00

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati